Come velocizzare il computer portatile

Ultimo aggiornamento: 18.06.24

 

Se il tuo notebook ti sembra troppo lento e poco performante, probabilmente hai bisogno di mettere in atto alcuni semplici trucchetti. Esattamente quelli che trovi in questo articolo.

Con il passare dei mesi e con un utilizzo intenso, il computer portatile tende a ingolfarsi, a rallentare e a fornire prestazioni che non sono in linea con le tue aspettative. Un PC lento rende la user experience meno gratificante e può provocare problemi sia nell’utilizzo lavorativo sia in quello più divertente, nel caso ti piaccia navigare su Internet, guardare un film in streaming oppure giocare con i casinò online NetBet

Come fare dunque per velocizzare un notebook lento? È necessario dedicare un po’ di tempo ad alcune operazioni nonché ricordarsi di eseguirne altre di tanto in tanto. Ma entriamo nel dettaglio di come configurare il tuo notebook e ottimizzarne le prestazioni. Ecco i nostri suggerimenti:

 

Come migliorare le prestazioni del PC

Riassumiamo per punti dieci operazioni che ti consigliamo di eseguire per prenderti cura del tuo computer portatile:

• Aggiornamenti del sistema operativo: Assicurati di avere l’ultima versione del sistema operativo installata sul tuo notebook. Gli aggiornamenti spesso includono correzioni di bug e ottimizzazioni che possono migliorare le prestazioni complessive del sistema.

• Rimuovi i programmi indesiderati: Disinstalla eventuali software che non utilizzi o che occupano troppa memoria o risorse di sistema. Puoi farlo tramite il pannello di controllo o le impostazioni del sistema operativo.

• Pulizia del disco: Esegui una pulizia del disco per rimuovere file temporanei, cache e altri dati inutili che possono occupare spazio sul disco e rallentare il sistema. Puoi utilizzare gli strumenti di pulizia del disco integrati nel sistema operativo o software di terze parti.

• Disabilita i programmi in background: Alcuni programmi possono essere in esecuzione in background senza che tu te ne accorga, utilizzando risorse del sistema. Verifica quali programmi sono in esecuzione in background e disabilita quelli che non sono necessari. Puoi farlo tramite il Task Manager (Windows) o l’Activity Monitor (Mac).

• Gestione dei processi: Controlla i processi attivi nel tuo notebook e verifica se ci sono programmi che utilizzano un’elevata quantità di CPU, memoria o risorse di rete. Se possibile, chiudi o disinstalla tali software.

• Aggiungi più memoria RAM: Se il tuo notebook supporta l’aggiunta di memoria RAM, considera di aumentarne la quantità. Più RAM disponibile può migliorare le prestazioni complessive del sistema, consentendo di gestire più applicazioni contemporaneamente in modo più fluido.

• Deframmentazione del disco: Se il tuo notebook utilizza un disco rigido tradizionale (HDD) anziché un’unità a stato solido (SSD), potresti beneficiare di una deframmentazione del disco. Questa operazione riorganizza i file sul disco rigido per migliorare l’accesso e la velocità di lettura/scrittura. Puoi eseguire la deframmentazione del disco utilizzando gli strumenti integrati nel sistema operativo.

• Riduci gli effetti visivi: Disabilita o riduci gli effetti visivi come le animazioni, le trasparenze e le finestre ombreggiate. Questo può alleggerire il carico grafico del sistema e migliorare le prestazioni complessive.

• Utilizza un antivirus leggero: Se stai utilizzando un antivirus sul tuo notebook, assicurati di sceglierne uno “leggero”, che non rallenti eccessivamente il sistema. Alcuni programmi di questo tipo possono essere molto pesanti in termini di utilizzo delle risorse. Fai attenzione nella scelta di un antivirus che equilibri la sicurezza con le prestazioni.

• Riavvia periodicamente il notebook: Questa operazione può liberare la memoria e ripristinare le prestazioni. Ciò può essere particolarmente utile se il notebook viene utilizzato per un lungo periodo di tempo senza riavviarlo.

In conclusione, tieni presente che ogni computer è diverso, quindi potresti dover sperimentare diverse configurazioni per trovare quella ottimale per le tue esigenze. Inoltre considera che alcune ottimizzazioni possono comportare compromessi nella funzionalità o nell’aspetto del sistema, quindi valuta attentamente le modifiche che apporti.

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI