Gli 8 migliori processori del 2020

Ultimo aggiornamento: 21.09.20

 

Processori – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni

 

Nelle prestazioni di un PC desktop o di un laptop, il processore è uno degli elementi determinanti. Il mercato è dominato da due produttori, ovvero AMD e Intel. Normalmente i processori del primo sono più economici, mentre quelli del secondo più performanti, anche se queste caratteristiche si sono assottigliate con l’andare del tempo. Il processore che forse più di altri combina prezzo e qualità è l’AMD Ryzen 7 3800X, che per un clock base di 3 GHz, viene proposto ad un prezzo non molto alto. La sua controparte Intel è il processore Intel Core i7-9700K da 3,6 GHz, più potente, almeno a livello di velocità e appena più costoso.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori processori – Classifica 2020

 

In base a quello che desiderate che il vostro computer sia in grado di fare avrete bisogno di un processore più o meno performante. Qui di seguito vi elenchiamo gli otto prodotti che, a nostro giudizio, meritano una valutazione da parte vostra. 

 

 

Processore AMD

 

1. AMD Ryzen 7 3800X

 

Il processore Ryzen 7 3800X offre una migliore combinazione di prestazioni in single e multi-thread rispetto alle CPU concorrenti di Intel. Ma la sua caratteristica, che lo rende uno dei migliori processori del 2020, è il supporto per l’interfaccia PCIe 4.0, che in pratica sblocca questo potenziale per ottenere la massima velocità di archiviazione. 

L’impressionante efficienza energetica (105W di TDP) e le prestazioni rendono rendono questa CPU un aggiornamento interessante, ma solo se già si dispone di una “costosa” scheda madre dotata di chipset X570, unico a supportare tale processore. Tra le altre caratteristiche che il processore AMD mette sul piatto vanta un moltiplicatore sbloccato, e un dispositivo di raffreddamento in bundle, cosa che non sempre si trova nei processori concorrenti di Intel. 

Come le altre CPU della serie Ryzen 3000 anche questo modello supporta le memorie DDR4-3200 a doppio canale, un passo avanti rispetto alla generazione precedente che si limitava alle memorie DDR4-2966.

 

Pro

Supporto PCIe 4.0: Questo processore di AMD che rientra nella fascia media di mercato è uno dei pochi ad essere compatibile con la tecnologia PCIe 4.0, per lo meno in questa categoria di CPU.

Due chipset compatibili: La CPU si può installare su schede madri che possono avere o il “vecchio” chipset X470 o il nuovo X570. Questo lo rende una buona scelta per chi vorrà cambiare scheda madre senza cambiare CPU.

Moltiplicatore sbloccato: Per gli amanti dell’overclocking è bene sapere che troveranno un moltiplicatore sbloccato e anche il TPD non particolarmente alto lo rendono ideale per questa pratica.

 

Contro

Schede madri costose: Se si vuole sfruttare il PCie 40, bisogna per forza di cose abbinare questa CPU a una scheda madre con chipset X570, che per il mondo AMD sono tra le più costose.

Acquista su Amazon.it (€313)

 

 

 

Processore i7

 

2. Intel Core i7-9700K processore 3,6 GHz 12 MB di cache

 

Parte della famiglia di CPU “Coffee Lake” di nona generazione di Intel, il Core i7-9700K è un potente processore ideale per costruire PC da gioco a un prezzo ragionevole. Grazie in parte a un’architettura altamente efficiente, questo chip a otto core offre le eccellenti prestazioni single-core richieste da molti giochi. 

Una grande differenza tra il processore i7-9700K e il suo predecessore è la decisione di Intel di abbandonare il supporto multithreading. Il multithreading, che Intel chiama Hyper-Threading, consente a ciascun core di gestire due thread di elaborazione contemporaneamente. Ciò può avere un impatto enorme sulla capacità di un processore di gestire istruzioni complesse da software moderni esigenti come le suite di editing video, sebbene abbia un impatto limitato sulla maggior parte dei giochi. 

Altra buona caratteristica riguarda la compatibilità con le schede madri Z390 che utilizzano il socket LGA 1151, nonché con un certo numero di chipset di generazione precedente (in particolare, Z370, Q370, B365, B360, H370 e H310).

 

Pro

Single-Core: Le prestazioni offerte in single-core, quelle abitualmente abbinate ai giochi, sono ottime, e quindi è una CPU ideale per un PC destinato ai videogiocatori.

Linee PCIe: Il processore è in grado di gestire fino a 16 linee Pci Express, quindi nessun problema per chi vuole approntare una configurazione multi-GPU.

12 MB di cache: Una cache totale maggiore può aiutare a migliorare le prestazioni di alcune app, inclusi molti giochi, che beneficiano di un accesso alla memoria più rapido.

 

Contro

No PCIe 4.0: Non supportando la tecnologia PCIe 4.0 non è un processore “futuristico” e quindi non ha senso se si intende un domani sfruttare, ad esempio, gli SSD con interfaccia NVMe M.2.

Acquista su Amazon.it (€287,25)

 

 

 

Processore i5

 

3. Intel Core i5-8400 Processore 9 MB di cache fino a 4.00 GHz

 

La serie Core i5 offre in genere agli appassionati le migliori prestazioni rispetto alla spesa da sostenere. Ma ora con quei due core extra, il processore i5 di fascia più alta di Intel è ora anche più veloce del Core i7-7700K nella maggior parte dei giochi e persino in alcune applicazioni. 

Ciò significa che le nuove CPU Coffee Lake Core i5 sostituiscono sostanzialmente i Core i7 basati sulla precedente architettura Kaby Lake. E questa è una bella notizia per i giocatori, visto che ora i processori di fascia media possono eseguire il “backstop” delle GPU di fascia alta senza diventare colli di bottiglia. Il tutto a beneficio della spesa per assemblare un ottimo desktop per giocare. 

Non a caso al giorno d’oggi il Core i5-8400 è uno dei processori più venduti, appunto per il rapporto prezzo/prestazioni che ha pochi eguali sul mercato. Unico piccolo neo è il moltiplicatore bloccato, ma onestamente non se dovrebbe sentire il bisogno di overcloccarlo.

 

Pro

Prezzo/prestazioni: La nuova generazione di CPU Coffee Lake di Intel della serie i5 ha un evidente vantaggio che si traduce in processori potenti venduti ad un prezzo molto accessibile.

Turbo Boost: Tramite la tecnologia proprietaria di Intel denominato Turbo Boost, un core dei 6 offerti da questa CPU è in grado di raggiungere i 4 GHz di velocità. Gli altri core viaggiano tra i 3,9 e i 3,8 GHz.

Per giocatori: Sono finiti i tempi dove i videogiocatori che puntavano a una CPU Intel per il proprio PC dovevano prendere in considerazione solo la fascia alta dei Core i7.

 

Contro

Moltiplicatore: Il Core i5-8400 ce l’ha bloccato, quindi non si può intervenire per aumentare la frequenza. Ma difficilmente se ne sentirà il bisogno.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Processore i9

 

4. Intel Core i9-9900K processore Octa Core 3,6 GHz

 

Il Core i9-9900K a otto core di Intel viene fornito con tutto quello che serve per soddisfare chi è alla ricerca del massimo della potenza in qualsiasi applicazione utilizzata. Questo vuole dire più core, frequenze più elevate e tecnologie di saldatura ad alte prestazioni. Questi miglioramenti rendono questo processore mainstream il più veloce sul mercato, ma il prezzo richiesto lo relega agli appassionati di prestazioni più estreme. 

Il prezzo di questo processore i9 infatti non è il più economico che ci si possa aspettare, visto che va ben oltre i 500 euro. Mette sul piatto una frequenza base di 3,6 GHz per un TDP di appena 95W. Inoltre questo processore è sbloccato, quindi significa che con un buon dissipatore di calore può essere tranquillamento overcloccato per avere ancora più velocità rispetto a quanto offerto quando si toglie dalla scatola. 

Da non dimenticare i 16 GB di cache L3, utile per chi fa editing video o spreme questa CPU in altre applicazioni pesanti.

 

Pro

Potente come nessuno: Se si cerca il processore più veloce in commercio, questo Core i9-9900K attualmente è in cima al podio, in attesa che qualche nuovo modello lo scalzi.

Cache L3: Con 16 GB di cache di terzo livello nessun problema anche ad eseguire software di editing video o altri che comunque sono richiedono tanta cache per funzionare al meglio.

Sbloccato: Non bastano i 3,6 GHz di base? Nessun problema, con un buon dissipatore a tenerlo il più fresco possibile si può anche aumentare la velocità per renderlo ancora più performante.

 

Contro

Prezzo: Non è certo il processore per chi cerca prezzi bassi visto che il suo costo è alla portata di pochi appassionati con un ottimo budget di spesa.

Acquista su Amazon.it (€490)

 

 

 

Processore AMD Ryzen 5

 

5. AMD YD2600BBAFBOX Processore Ryzen 5 2600 Socket AM4

 

Il processore AMD Ryzen 5 2600 offre prestazioni eccellenti nelle applicazioni di produttività personale e consente di raggiungere frame rate competitivi nei giochi. È anche una scelta sicuramente da tenere in considerazione per chiunque abbia intenzione di costruire un PC compatto visto il suo TDP da soli 65W, che significa raffreddarlo con un dissipatore non particolarmente voluminoso. 

Già quello proposto in bundle può essere un’ottima scelta e quindi non necessità di acquistarne un altro. Altro punto a favore di questa CPU è che risulta, in casa AMD, una delle migliori scelte come upgrade di un processore obsoleto in quanto è compatibile con schede madri, e relativi chipset e socket, della generazione precedente. 

A livello tecnico mette sul piatto sei core e un clock di 3.4 GHz che sale a 3.9 GHz quando le applicazioni richiedono più potenza. La cache di terzo livello presente è pari a 16 GB, niente male per un processore che rientra nella fascia media di mercato.

 

Pro

Overclock: Il moltiplicatore di questa CPU è sbloccato, quindi spazio all’overclocking con l’accortezza preferire un dissipatore più performante di quello offerto in bundle.

Retro compatibile: Questo processore, secondo molti pareri, è l’ideale per avere un modello di una generazione attuale senza dover cambiare scheda madre.

Basso TDP: Con un TDP di soli 65W è uno dei processori meno “calorosi” in commercio, soprattutto in questa fascia di mercato. Ideale quindi per essere installato in PC compatti.

 

Contro

Valore: In comparazione con il modello appena superiore, ovvero il Ryzen 5 2600X ci sono solo 30 euro di differenza e viste le prestazioni migliori di quest’ultimo è forse più consigliato anche se il TDP sale a 95W.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Processore i3

 

6. Intel Core i3-8100 BX80684I38100 Cpu Processore

 

Il processore i3-8100 di Intel si evidenzia subito per il fatto che offre quattro core fisici per soli 120 euro di prezzo, il che è un valore eccezionale rispetto ai modelli Intel della generazione precedente. È la CPU da preferire quando si assembla un PC per l’ufficio o uno per casa che non richieda di essere impegnato nei giochi o nell’editing video. 

Si basa sull’architettura Coffee Lake, ed opera ad una frequenza di base pari a 3,6 GHz che tale rimarrà per sempre. Infatti non è dotato di tecnologie Turbo Boost, e tanto meno dispone di un moltiplicatore sbloccato. 

Ma di certo non è il processore che può trarre beneficio da questa tecnologie, che ovviamente si pagano e per il tipo di PC che andrà ad alimentare non servono. La cache L3 è di 1,5 GB per ognuno dei quattro core, quindi un totale di 6 GB. È garantito il supporto a memorie DDR4-2400.

 

Pro

Prezzo: Senza dubbio una delle CPU che costano meno basate sull’architettura Coffee Lake, ideale per assemblare un nuovo PC a basso costo.

Buon clock: La velocità di base di questo processore di fascia bassa è di 3,6 GHz, niente male visto dove si colloca nel mercato delle CPU.

Quattro core: Non da meno è la presenza di quattro core fisici, ognuno dei quali offre 1,5 GB di cache di terzo livello. Un buon mix per prestazioni discrete per chi non ha particolari esigenze.

 

Contro

Niente hyper-threading: Per questo processore Intel non ha previsto di includere la tecnologia hyper-threading, quindi ogni core si aggiudica un thread.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Processore Pentium Gold

 

7. Intel Pentium Gold G5400 4MB, 3,7 GHz, Socket LGA1151

 

Un modello sotto i 100 euro esiste ed è il processore Pentium Gold G5600 di Intel. Questa CPU, inoltre include il chip grafico Intel UHD Graphics 610 con una frequenza grafica di base di 350 MHz aumenta fino a 1,05 GHz. Per questo motivo è perfetto per chi deve creare un PC il meno costoso possibile, visto che non sarà necessario neanche l’acquisto di una scheda video. 

Il motore grafico UHD non ovviamente adatto per i giochi, anche a basse risoluzioni. Anche questo processore è realizzato secondo l’architettura Coffee Lake, ed arriva a una frequenza massima di 3,7 GHz, senza alcuna possibilità di aumentarla manualmente o tramite tecnologia Turbo Boost. 

Due soli i core a disposizione che eseguono un totale di quattro thread. La compatibilità con memorie DDR4-2400 e una cache L3 di 4 MB completano le specifiche di fascia bassa. Per sapere dove acquistare questo processore si possono controllare i link sotto i pro e contro di questa pagina.

 

Pro

Prezzo basso: Uno dei processori meno costosi in commercio, perfetto per un PC dal bassissimo costo, magari da abbinare alla TV con funzioni HTPC.

Hyper-threading. Una delle caratteristiche migliori, in rapporto al prezzo, è la presenza di questa tecnologia che consente ai due core di operare su quattro thread

Dissipatore: Nel bundle viene fornito un buon dissipatore che tiene in temperatura il processore e quindi non serve spendere altri euro per un sistema di raffreddamento superiore.

 

Contro

Frequenza bloccata: Non stupisce il fatto che Intel per questo processore abbia bloccato il moltiplicatore, caratteristica messa a disposizione su CPU di fascia più alta.

Acquista su Amazon.it (€58)

 

 

 

Processore AMD Athlon Thread

 

8. AMD Athlon 3300G con grafica Radeon Vega

 

Sempre in tema di processori a basso costo si può anche prendere in considerazione quanto propone AMD con il modello Athlon 3300G. Il processore è un dual-core che dispone di SMT per portare il numero totale di thread a quattro, il che aiuta sia nelle applicazioni che nei giochi, visto che alcuni di questi non si avviano se non sono almeno presenti due core senza SMT. 

Il processore AMD Athlon Thread 3000G è dotato di grafica Vega 3 integrata, che si traduce in 192 processori stream, troppo pochi per giocare decentemente. Ovviamente il discorso cambia per il multimediale o la visione di video, dove la Vega 3 non si comporta affatto male. In pratica si può pensare a un PC per la casa o l’ufficio senza spendere altri soldi per la scheda video. 

Il clock che raggiunge è di 3,5 GHz, e consente anche di essere aumentato visto il moltiplicatore sbloccato. Buono il dissipatore offerto nella confezione che fa egregiamente quello per cui è pensato.

 

Pro

Basso costo: Nella schiera delle CPU con prezzo sotto i 100 euro spicca questo modello che ha un costo appena al di sopra dei 50 euro

Grafica integrata: Per il prezzo che si paga il valore aggiunto è dato da una grafica integrata di buon livello, non adatta al gioco, ma perfetta per tutto il resto.

Dissipatore: Con il processore viene offerto un buon dissipatore di calore che basta e avanza per tenere al fresco questa CPU:

 

Contro

Vecchia architettura: Questa CPU, nonostante sia recente si basa ancora sull’architettura Zen, e non Zen+ degli ultimi processori AMD. Questo significa una lentezza nell’elaborazione delle istruzioni per ciclo di clock.

Acquista su Amazon.it (€59,99)

 

 

 

Guida per comprare un buon processore

 

Il processore (noto anche come CPU) è il cuore pulsante di qualunque computer, desktop o portatile, sia che si tratti di una macchina da gioco incredibilmente performante o di una più “tranquilla” per gestire mail e documenti o lo studio. In base a quello che desiderate fare con il proprio PC, acquistare quello con la CPU giusta può fare la differenza tra prestazioni fluide e confortevoli e un’esperienza lenta da strapparsi i capelli.

L’acquisto della CPU giusta può essere fonte di confusione. Core, thread, clock e cache sono tutti termini con cui confrontarsi, ma per comprenderli è necessario un po’ di conoscenza informatica. Alla fine di questa guida per sapere come comprare un buon processore, si potrà capire che CPU cercare e, soprattutto, perché.

AMD vs Intel: qual è il miglior processore?

Ci sono sostanzialmente due produttori di processori per PC desktop e laptop che si dividono il mercato: AMD e Intel. Al giorno d’oggi che si scelga una o l’altra offerta è importante acquistare quella giusta per quello che si vuole fare con il proprio PC. Questo non vuol dire che tutte le CPU di entrambe le aziende sono uguali. 

Ma rispetto a qualche tempo fa non ci sono poi così tante differenze, mente al contrario, ci sono altri caratteristiche che potrebbero meglio adattarsi alle esigenze di ognuno, che possono essere possibilità di overclocking,oppure numero core, o anche la presenza o meno della tecnologia multithreading.

Una cosa da tenere presente se si intende assemblare da sé un computer è necessario acquistare componenti che siano compatibili tra di loro. Ad esempio mai e poi mai una CPU AMD funzionerà con una scheda madre con chipset Intel, e, ovviamente, viceversa. La limitazione tra prodotti delle due aziende comunque è limitato solo a CPU e chipset. Infatti nulla vieta di installare un SSD marchiato Intel in PC con scheda madre dotata di chipset AMD o, magari una scheda grafica AMD Radeon abbinandola a un processore Intel e relativo chipset della stessa azienda. 

 

Le generazioni di CPU

La generazione di un processore è uno delle prime caratteristiche per valutare le prestazioni, dove quelle più recenti in genere offrono prestazioni migliori e consumi decisamente più bassi.rispetto alle stesse CPU della generazione precedente. Un classico esempio sono le CPU AMD Ryzen: infatti quelle della serie Ryzen 2000 (di seconda generazione) sono più veloci delle loro controparti di prima generazione.

La gamma di CPU Intel è un po’ più confusa. Ha a listino processori di ottava, nona e due di decima generazione. La nona generazione è leggermente più veloce dell’ottava ma manca di hyper-threading in alcune versioni, quindi le prestazioni multithread in quei processori non sono sempre così di livello come le loro controparti di ottava generazione.

Le CPU Comet Lake di decima generazione, come 10980HK e 10400H, offrono le massime prestazioni dei processori mobile Intel, ma una grafica relativamente scarsa rispetto alle altre CPU di decima generazione basate sulla tecnologia Ice Lake. In genere, si desidera guardare Ice Lake per prestazioni generali di calcolo e laptop con Comet Lake con schede grafiche dedicate per i giochi.

 

Core e thread

Per sapere quale processore comprare si deve considerare core e thread. I core sono come singoli processori propri, tutti riuniti nello stesso chip. Tradizionalmente, possono eseguire un’attività alla volta, il che significa che più core rendono un processore migliore nel multitasking. Il software moderno è di gran lunga migliore nel trarre vantaggio da più core contemporaneamente per fare lo stesso lavoro, quindi più core possono far funzionare più velocemente alcuni software.

I thread sono il numero di attività che una CPU può svolgere in qualsiasi momento. Molti processori moderni dispongono di multithreading simultaneo (chiamato Hyper-threading nelle CPU Intel), che consente a ciascun core di eseguire due attività contemporaneamente. 

Ecco perché si vedranno spesso CPU elencate con quattro core e otto thread o sei core e dodici thread. Questi thread aggiuntivi non sono veloci come i core stessi, in quanto sfruttano efficacemente parti della CPU che sono sottoutilizzate, ma in genere migliorano le prestazioni con un margine evidente.

Se serve solo rispondere alle e-mail, navigare in Internet e guardare Netflix, sarà sufficiente un dual-core, anche se l’esperienza sarà più veloce con quattro core, soprattutto se piace il multitasking.

Un giocatore, dovrebbe valutare processori quad-core meglio se con supporto per otto thread. Ci sono dei vantaggi con una CPU a sei core e questo lo si nota in alcuni giochi dove questi risultano un poco più veloci andando a otto core. Oltre a ciò, l’aumento di prestazioni non è evidente.

Un editor che si destreggia nel multimediale, tra audio e video, normalmente a che fare i con database di notevoli dimensioni. Per questo tipo di attività è meglio puntare sui processori con il maggior numero di core, anche se oltre gli otto non si noterà un aumento netto nelle prestazioni globali. Per questo motivo bisogna prendere in considerazione le CPU AMD Ryzen 3900X e 3950X che rispettivamente mettono a disposizione dodici e sedici core che sono tra le migliori processori abilitati al multithread attualmente in commercio.

 

 

 

Come installare un processore

 

Dopo aver scelto il migliore processore per le proprie esigenze arrivato il momento di installarlo. Ci sono piccole differenze tra il montaggio delle CPU di Intel, rispetto a quelle di AMD, quindi vediamo come fare per entrambi i processori

Intel

Aprire lo chassis se si deve solo cambiare la CPU, se invece si sta assemblando da zero togliere la scheda madre dalla scatola e poggiarla su un ripiano. Ora rilasciare la piccola leva di metallo che tiene la staffa di bloccaggio della CPU sul socket LGA Intel nella scheda madre.

Inserire la CPU delicatamente nel socket. Quando è installata, è il momento di collegare il dispositivo di raffreddamento. Se si utilizza un dissipatore Intel di serie, nella parte inferiore sarà già presente della pasta termica. Se si utilizza un dispositivo di raffreddamento di terze parti, si dovrà applicare un piccolo strato di pasta termica, circa le dimensioni di un chicco di riso. Normalmente, quando si acquista un dissipatore di terze parti questo viene fornito con una piccola siringa contenente la pasta termica. Mette quest’ultima al centro della CPU prima di installare il dissipatore.

Una delle caratteristiche del dissipatore di calore di Intel è che utilizza dei “pin push” per bloccarsi alla  alla scheda madre. Basta posizionare il dispositivo di raffreddamento sulla parte superiore della CPU e quindi premere i perni nei fori in corrispondenza di ciascun angolo del socket. 

Una volta che i pin sono stati spinti attraverso l’altro lato della scheda madre, premere la linguetta di blocco del perno verso il basso e quindi ruotarla verso il centro della CPU, seguendo la freccia incisa nel perno stesso. Questa operazione blocca senza alcun altro intervento il dissipatore di calore nella corretta posizione.

Il passaggio finale consiste nel collegare il cavo di alimentazione della ventola del dissipatore al suo connettore presente sulla scheda madre, di norma posizionato molto vicino al processore.

 

Come installare una CPU AMD

I processori AMD hanno sia un diverso tipo di socket sia un diverso metodo di montaggio dei dissipatori di calore rispetto al sistema Intel. Guardando una nuova scheda madre con socket FM2 +, si noterà che non ci sono pin in metallo sul socket AMD. Piuttosto, i pin che collegano la CPU alla scheda madre si trovano sul lato inferiore della CPU.

Iniziare sollevando la leva di blocco della CPU dal socket. Quindi posizionare il processore AMD nel socket in modo tale che il triangolo d’oro sull’angolo della CPU corrisponda a quello inciso sull’angolo del socket. Una leggera pressione è necessaria per collocare saldamente la CPU nel socket. Abbassare la leva di bloccaggio per mantenere il processore in posizione.

Come per il dispositivo di raffreddamento di serie Intel, quello di AMD verrà fornito con materiale termico sul lato inferiore. Iniziare agganciando la staffa di montaggio sul dispositivo di raffreddamento sulla tacca di plastica all’estremità superiore del socket della CPU. Quindi agganciare la staffa sulla tacca all’estremità opposta. 

Da qui è possibile attivare la leva di blocco per premere il dissipatore di calore contro la CPU e tenerlo saldamente sulla scheda madre. Il collegamento di entrambe le tacche in plastica con la staffa di montaggio del dissipatore di calore è la parte più difficile di questo processo di installazione. Anche in questo caso è necessario collegare l’alimentazione della ventola del dissipatore al connettore predisposto sulla scheda madre.

 

 

 

Domande frequenti 

 

Come vedere il processore del PC?

Se si dispone di un PC con sistema operativo Windows 10, il metodo più semplice cliccare il tasto Windows sulla tastiera e digitare Gestione dispositivi. Nella schermata che appare si noteranno tutti i componenti presenti nel PC in ordine alfabetico. Scorrere la lista e cliccare su cliccare su Processori. Il nome che compare (può anche essere che sia proposto 2, 4 volte, questo dipende dal numero di core della CPU) è il modello di processore installato.

Come attivare la scheda video Nvidia e non quella del processore?

Molti dei computer portatili, e anche alcuni desktop sono forniti con due GPU una dedicata e una integrata nel processore. Nel caso non si fosse sicuri se il computer comprenda due GPU, ci si può togliere il dubbio, accedendo a Gestione dispositivi cliccando sul tasto Windows della propria tastiera e digitando appunto Gestione dispositivi. 

Nella schermata che compare cliccare su Schede video. Lì sono visualizzate le GPU o la GPU installate nel proprio PC. Se una di queste è Nvidia, è necessario aprire il pannello di controllo di che viene proposto una volta installati i driver. Per questa operazione fare clic con il pulsante destro del mouse su uno spazio vuoto sul desktop e scegliere Nvidia Control Panel dal menu. 

A questo punto scegliere Impostazioni 3D e poi Gestione impostazioni 3D scegliere il processore grafico Nvidia. La GPU di Nvidia dovrebbe essere visualizzata come processore Nvidia ad alte prestazioni.

 

Come aumentare i GHz del processore?

Il metodo più semplice per aumentare la velocità di clock è agire sul moltiplicatore della CPU. Questo si trova lanciando il BIOS (ogni scheda madre ha un suo metodo per accedervi). Il clock base integrato nella scheda madre è di solito 100 MHz. Moltiplicando quel numero si ottiene la velocità del clock del processore. Ad esempio, un moltiplicatore impostato a 36 (x100 MHz) fornisce 3,6 GHz. 

Aumentare gradualmente il moltiplicatore un passo alla volta. Questo di solito si può fare digitando il numero esatto (ad esempio “36”) o usando il tasto “+” sulla tastiera. Ogni qualvolta si aumenta il moltiplicatore, salvare le impostazioni del BIOS, riavviare il PC e controllare che tutto funzioni a dovere. Si può ripetere questa operazione per molte volte, finché il PC non mostri errori o diventi particolarmente instabile.

 

A cosa serve il processore

Il processore prende le istruzioni da un programma o un’applicazione ed esegue un calcolo. Questo processo si suddivide in tre fasi principali: recupero, decodifica ed esecuzione. Una CPU recupera l’istruzione dalla RAM, la decodifica e quindi esegue la esegue utilizzando le parti pertinenti. 

L’istruzione o il calcolo eseguiti possono comportare un’aritmetica di base, confrontando determinati numeri o spostandoli nella memoria. Poiché tutto in un dispositivo di elaborazione è rappresentato da numeri, questi semplici compiti equivalgono a ciò che fa una CPU. La moderna CPU di oggi è composta da più core che le consentono di eseguire più istruzioni contemporaneamente,

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments