Come capire se il proprio computer è infettato da un virus e come rimediare

Ultimo aggiornamento: 04.03.24

 

Se si tiene alla sicurezza dei propri dati, non si può di certo ignorare il problema virus. Ma di cosa si tratta? Un virus è un particolare tipo di malware in grado di infettare un sistema e di replicarsi successivamente in maniera automatica, andando a compromettere anche altri sistemi collegati. 

Una volta che un dispositivo è stato infettato, possono verificarsi diversi problemi: alcuni sono dei semplici fastidi, altri sono vere e proprie minacce per la propria sicurezza. Un virus può infatti eliminare file, oppure copiarli e inviarli a qualcuno che, nella maggior parte dei casi, non ne farà un buon uso. Per questa ragione è molto importante imparare a proteggere i propri dispositivi.

 

Come riconoscere i virus

Il più delle volte non ci si rende conto di essere stati infettati da un virus prima che questo cominci a fare danni. Ci sono però alcuni segnali che permettono di capire in tempi molto brevi se ciò sta accadendo, in modo da poter intervenire prima che i danni siano davvero irreparabili. 

• Rallentamenti. I virus possono essere molto avidi di risorse, perciò causano rallentamenti del dispositivo che hanno infettato. Se si riscontra una diminuzione delle prestazioni, è bene controllare che non si tratti proprio di un problema di questo tipo.

• Popup. Spesso i virus causano la visualizzazione di finestre popup e messaggi pubblicitari in momenti inaspettati, anche quando non si sta usando il browser e si sta semplicemente scrivendo un testo.

• File o applicazioni mancanti. I virus, a volte, possono eliminare file o disinstallare applicazioni senza che l’utente ne faccia richiesta. 

• Nuovi file o applicazioni. In maniera molto simile, i malware possono anche creare nuovi file o installare applicazioni sconosciute, il che dovrebbe immediatamente far destare sospetti.

• Avvisi di sicurezza. Se è stato installato un antivirus, effettuando una scansione del sistema (anche in automatico), verranno visualizzati degli avvisi di sicurezza che comunicheranno la presenza di virus.

Come proteggersi dai virus

Per proteggere i propri dispositivi dai virus è possibile ricorrere a diverse soluzioni. Tuttavia, nessuna di queste singolarmente è sicura al 100% e solo se utilizzate contemporaneamente possono garantire un livello di sicurezza estremamente alto.

• Installare un antivirus. La prima cosa da fare è ovviamente installare un antivirus, cioè un apposito programma in grado di rilevare ed eliminare i malware presenti nel sistema. Bisogna però assicurarsi di mantenerlo aggiornato, in modo che sia in grado di rilevare anche le minacce più recenti, e di attivare la scansione automatica periodica, per far sì che il sistema venga controllato frequentemente anche senza la specifica azione dell’utente.

• Usare una VPN. Le VPN permettono di crittografare il traffico e navigare in sicurezza. Le migliori, inoltre, includono anche una protezione attiva contro virus e malware, in modo da rilevare queste minacce prima ancora che vengano scaricate e installate.

• Attivare un blocco dei popup. I popup spesso non sono solo conseguenza dei virus ma anche il modo in cui questi riescono a infettare un dispositivo. Molti siti malevoli, infatti, mostrano fastidiosi popup che, se cliccati, avviano il download di virus e malware senza che l’utente se ne renda conto. Attivare il blocco di questi popup, per fortuna, permette di aggirare il problema.

• Fare attenzione ai file scaricati. Spesso si scaricano file senza pensarci troppo ma questi, talvolta, si rivelano essere dei virus. Quando si riceve un allegato a una email, quindi, è molto importante verificare che si tratti di un file innocuo e che provenga da mittenti fidati. 

• Fare un backup dei dati. Nell’evenienza in cui un virus riesca effettivamente a fare danni, avere un backup dei file importanti è fondamentale. In questo modo si può decidere di ricorrere a soluzioni drastiche, come la reinstallazione completa del sistema operativo, senza per questo perdere i propri dati.

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI