Come fare la pulizia delle testine della stampante

Ultimo aggiornamento: 26.10.21

 

La stampante ha bisogno di molta cura per poter funzionare correttamente, vediamo come fare una buona manutenzione del dispositivo.

 

Quante volte vi sarà capitato di non riuscire a stampare correttamente un documento, trovandovi fogli con scritte lasciate a metà e caratteri sbiaditi? Avete provato a inviare una stampa dietro l’altra, senza però ottenere risultati migliori e sprecando così tantissimo inchiostro e carta. La stampante d’altronde ogni tanto può fare i capricci, come qualsiasi altro dispositivo, con l’unica differenza che basta un minimo di manutenzione per poterla far tornare come nuova. La pulizia delle testine della stampante infatti è molto importante e richiede davvero poco tempo, quindi ogni tanto dovrete farla. 

Le testine infatti possono venire ostruite da inchiostro che nel tempo si è seccato, creando un ‘tappo’ che impedisce la stampa corretta del testo sui fogli di carta. Questo capita soprattutto quando non usate una stampante per diversi mesi, per questo di norma prima di riutilizzare un vecchio dispositivo è bene procedere con la pulizia delle testine, specialmente se avete un gran numero di cose da stampare. 

In altri casi invece sarete costretti a cambiare la cartuccia di inchiostro, recandovi in un negozio specializzato o comprandole online. Prima però, provate a seguire questi pratici consigli su come pulire le testine della stampante. 

Pulizia automatica delle testine

Grazie a una particolare funzione di Windows, potrete effettuare la pulizia automatica di testine della stampante Epson e di altre marche. Per farlo cliccate sul tasto Start sulla barra delle applicazioni, cercate ‘Pannello di Controllo’ e cliccate sopra la voce. Una volta aperto troverete la voce Hardware e Suoni che dovrete aprire, per poi cliccare su Dispositivi e Stampanti. 

Qui potrete vedere tutte le stampanti collegate alla rete e al vostro PC, quindi potrete facilmente individuare la vostra. Cliccate sul destro sull’icona della stampante e poi selezionate proprietà. Si aprirà una scheda relativa alla vostra stampante, sulla quale dovrete cliccare su Manutenzione/Pulizia e in seguito su pulizia delle testine. 

Si avvierà così una pulizia automatica delle testine della stampante che dovrebbe rimuovere gli eventuali residui di inchiostro e consentire in seguito una stampa corretta dei documenti. Questa procedura vi tornerà utile sia con stampanti ad inchiostro, sia se notate che la vostra stampante laser stampa sporco. 

Anche il MAC ha una procedura analoga a quella del sistema operativo Microsoft, basta recarsi sulle preferenze del sistema e selezionare la voce ‘stampanti e scanner’. Qui troverete l’icona della vostra stampante sulla quale potrete cliccare per aprire la relativa scheda. Ora non dovrete fare altro che selezionare in sequenza le voci Opzioni e forniture…\Utility\Pulisci testine stampante.

 

Pulizia delle testine direttamente dalla stampante

Alcune stampanti presentano un pratico display LCD che permette di accedere a una serie di utili funzioni, anche quelle relative alla manutenzione. Se notate che la stampante continua a non funzionare correttamente anche dopo la pulizia delle testine tramite il sistema operativo, allora potrete ricorrere a questo sistema alternativo. Nel caso delle stampanti professionali, spesso è meglio usare le funzioni integrate, in quanto possono rivelarsi molto efficaci. 

Ogni stampante ha le sue funzioni, quindi in questo caso la pulizia delle testine Epson potrebbe risultare diversa dalla pulizia delle testine di una stampante HP, ma in generale ogni modello dovrebbe avere la voce ‘manutenzione’ selezionabile tramite lo schermo LCD. Questa dovrebbe trovarsi sotto la voce ‘impostazioni’. Una volta trovata la voce Pulizia Testine, premete il tasto OK per avviarla. Alcune stampanti vi permettono di osservare la percentuale di completamento della procedura, al termine della quale potrete tornare a stampare i vostri documenti. 

Per la pulizia degli ugelli di una stampante Epson datata invece dovrete usare il tasto ‘manutenzione’, tenendolo premuto con la stampante spenta fino a quando non si avvia la pulizia. In alternative potrete usare il sistema di pulizia automatico tramite il sistema operativo che abbiamo illustrato nei capitoli precedenti. 

Pulizia degli ugelli della stampante manuale

A volte neanche tutta la tecnologia del mondo può risparmiare l’uso di un po’ del vecchio ‘olio di gomito’… quindi vediamo come togliere le macchie di inchiostro secco dalla stampante. Prima di tutto vi consigliamo di controllare se la testina sia un componente della stampante, oppure si trovi sulle singole cartucce di inchiostro. In ogni caso la prima procedura da seguire consiste nella rimozione delle cartucce, da effettuare assolutamente con l’apparecchio spento. Per evitare qualsiasi rischio potete anche scollegare la stampante dal PC (se collegata via cavo) e staccare la spina dalla presa della corrente. 

In seguito dovrete rimuovere le varie cartucce d’inchiostro una ad una, poggiandole su un panno asciutto. Per pulire la testina potrete usare un cotton fioc e acqua calda, o in alternativa dell’alcol isopropilico. Ciò che dovrete fare è usare il cotton fioc in modo delicato sulla testina, così da rimuovere l’inchiostro seccato per poterla liberare. 

Se invece la testina è collegata alle cartucce, dovrete rimuoverle e in seguito porle in un recipiente di acqua calda, lasciandole a mollo per diverse ore. In questo modo l’inchiostro secco verrà sciolto dall’acqua. Controllate se tutto è andato a buon fine e se la testina si è finalmente liberata dall’ostruzione, asciugate le cartucce con della carta assorbente e rimontatele nella stampante. 

Nel caso invece l’acqua calda non sia abbastanza, dovrete usare l’alcol isopropilico in quanto si rivela molto più efficace. Provate la stampante con un documento di una o massimo due pagine, in modo da verificare che l’inchiostro sia stato effettivamente eliminato del tutto. 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI