Consigli utili per comprare un buon computer nuovo

 

Ormai il computer è diventato davvero indispensabile per la vita di tutti i giorni, specialmente per quella lavorativa. Se però non ne possedete uno, volete cambiare il vostro vecchio dispositivo o desiderate fare un bel regalo ad amici o familiari, allora potreste seguire qualche utile consiglio per poter scegliere la giusta macchina per le vostre esigenze. Dopotutto il mercato è a dir poco saturo di laptop, notebook, mac e PC desktop prodotti o assemblati dalle diverse marche.

La scelta però non è facile dato che ogni prodotto avrà hardware di terze parti al suo interno, cosa che rende tutto più complicato. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulle differenze tra vari computer per togliervi più dubbi possibili.

 

Meglio portatile o fisso?

Ultimamente i laptop stanno vivendo un periodo molto roseo, grazie a configurazioni sempre più all’avanguardia che accontentano esigenze hobbistiche, lavorative e ludiche. I desktop d’altra parte possiedono una capacità di calcolo elevatissima grazie ai nuovi processori di ultima generazione e alle schede video Nvidia e Radeon che ormai hanno conquistato il mercato mettendo fuori combattimento la concorrenza. Se da una parte i laptop ingombrano poco spazio e sono facilmente trasportabili ovunque, i PC desktop sono decisamente più solidi e inoltre sono completamente configurabili.

Mettiamo il caso che vogliate orientarvi verso l’acquisto di un portatile, quale utilizzo vorrete farne principalmente? Se siete studenti e vi serve per studiare o per intrattenervi quando rimanete in casa la sera, allora potreste optare per un laptop poco costoso che vi consenta di navigare facilmente, utilizzare il pacchetto Office di Microsoft per poter scrivere, vedere video film o serie TV, visualizzare immagini e ascoltare musica.

 

 

E se invece volete anche giocare?

Contate che i portatili meno costosi hanno una scheda video Intel di bassa potenza, buona per giocare a titoli 2D e 3D vecchi di una o due generazioni. Spendendo qualcosina in più potreste trovarvi tra le mani un buon PC con una scheda Nvidia o Radeon integrata, mentre se proprio volete strafare cercate un prodotto Alienware con un ampio schermo e GPU di alto livello.

In realtà quando bisogna spremere il PC con applicazioni di grafica e videogame, la scelta migliore è il fisso.

Molti lo evitano per la paura di doverlo assemblare, ma in realtà ci sono tantissimi negozi di informatica che propongono le loro macchine pronte all’uso in diverse configurazioni. I prezzi dei PC fissi pre-assemblati variano ovviamente in base alle specifiche, ad esempio con una Geforce Nvidia 2070 o 2080 per il 4K e un processore Intel da 3.40 GHz i prezzi vanno sopra i mille euro. Per la grafica HD invece si trovano buone offerte che vi permettono di comprare comunque buoni prodotti senza spendere un’occhio della testa.

C’è anche da dire che assieme al PC dovrete acquistare un buon monitor, un mouse, una tastiera, delle casse audio e possibilmente dei buoni cavi. Insomma la spesa non è proprio esigua, per questo in molti preferiscono ordinare i componenti a parte e assemblare loro stessi un PC.

 

L’opzione economica

Se avete un budget ridotto, ma volete comunque acquistare un PC Desktop, potreste provare a comprare un prodotto pre-assemblato con un processore e una scheda grafica non troppo potenti per ridurre i costi. In futuro potreste comunque decidere di cambiare solo quei componenti. Assicuratevi sempre che la scheda madre sia di buona fattura e di produzione moderna, in modo da avere tutti gli slot giusti nel caso vogliate fare un ‘upgrade’.

Giustamente un portatile a questo punto sembra la scelta più conveniente, però tenete conto anche della durevolezza nel tempo. I laptop durano solitamente dai tre ai sei anni, ma i componenti iniziano a rovinarsi molto prima a causa della poca ventilazione. Per aggirare il problema potete comprare una base con ventole raffreddanti dove poggiarlo, aumentandone così la longevità. I PC fissi invece sono quasi immortali, nel senso che potrete cambiare i componenti più importanti in caso di guasto spendendo cifre ragionevoli.

 

Per il multimedia

Nel caso invece vogliate produrre musica e fare editing di fotografie o video allora vi consigliamo vivamente di acquistare un Mac.

I Mac sono il non plus ultra per i lavori in campo artistico vista la loro estrema praticità d’utilizzo ed il sistema operativo stabile. Il risvolto della medaglia è che sono poco compatibili con qualsiasi altro programma che non sia certificato da Apple. Vi avvisiamo che se volete giocare con un Mac avrete davvero poche opzioni a disposizione.

 

La componente hardware

Abbiamo parlato di Intel, Nvidia e Radeon, ai quali adesso aggiungiamo un altro nome: AMD. Magari vi state giustamente chiedendo di che cosa stiamo parlando, ma non temete si tratta semplicemente dei nomi dei principali produttori di schede video e processori. Nvidia e Radeon stanno ultimamente proponendo schede in grado di arrivare ai 4K di risoluzione, aggiungendo effetti grafici particolari.

Delle due, Nvidia per ora è la più quotata, sebbene Radeon stia guadagnando terreno grazie a delle schede grafiche leggermente meno costose e di buona qualità. Per i processori invece la guerra Intel – AMD non sembra trovare ancora un vincitore, per adesso però i processori Intel sono quelli con più programmi ottimizzati. Il nuovo prodotto di AMD, Ryzen (I migliori computer portatili) però sta riscuotendo molto successo, specialmente nel campo dei videogame e della grafica.

 

 

Lo schermo

Nel caso vogliate comprare un PC fisso vi invitiamo a scegliere il monitor con molta attenzione. Fino a qualche anno fa non avrebbe fatto molta differenza, ma adesso con l’arrivo delle nuove tecnologie si sono stabiliti sul mercato due tipologie principali di schermi: TN e IPS.

Gli schermi TN sono quelli favoriti dai ‘gamers’ per il loro altissimo refresh rate che assicura una responsività nei comandi elevata, assolutamente indispensabile per il gioco competitivo. Inoltre hanno un prezzo decisamente conveniente, anche nei loro formati in 4K, pur mantenendo un’ottima qualità visiva. Il problema degli schermi TN sta negli angoli di visualizzazione limitati. Provate a guardare uno schermo di lato, se non riuscirete a vedere bene colori e dettagli allora si tratterà di un TN.

Gli schermi IPS invece hanno un refresh rate più basso, ma i colori risulteranno molto più vivi dei TN e la visualizzazione risulterà corretta da qualsiasi angolo. Sono adatti a chi lavora con programmi di grafica, fotografia e video editing.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...