Acer Swift 1 SF114-32 – Recensione

Ultimo aggiornamento: 07.12.19

 

Principale vantaggio

Lo chassis in metallo rende questo computer portatile altamente resistente e, al tempo stesso, molto leggero, ideale per chi deve lavorare in mobilità e non vuole tanto peso da portarsi appresso.

 

Principale svantaggio

La scelta del processore Intel Pentium Silver N5000 non convince del tutto. Un modello più recente e potente sarebbe senz’altro stato più gradito e avrebbe meglio bilanciato l’intera configurazione.

 

Verdetto: 9.6/10

Un notebook bello da vedere, leggero da portare al lavoro o a scuola e abbastanza potente per le operazioni classiche che si eseguono con un laptop, ovvero gestione mail, navigazione in internet, video in streaming e produttività personale.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Descrizione caratteristiche principali

La linea Swift di Acer è costruita attorno al concetto di offrire un notebook principalmente leggero con uno chassis elegante e con un’alta autonomia della batteria. Per ottenere questo, senza esagerare con il prezzo finale, Acer ha dovuto scendere a compromessi in termini di prestazioni che comunque sono buone per le attività di tutti i giorni.

Design

Oltre ai colori divertenti in cui viene proposto questo modello di notebook, sicuramente l’occhio si posa sulle sue dimensioni. Il laptop ha uno spessore leggermente inferiore a 15 mm, e una lunghezza e larghezza rispettivamente di 323 mm e 228 mm. Allo stesso tempo, rimane abbastanza forte da non piegarsi, poiché l’intero chassis è realizzato in metallo liscio al tatto. 

Nonostante questo materiale, il peso totale del dispositivo supera leggermente gli 1,3 kg, quindi averlo con sé nello zaino o in una borsa non comporta un grande sforzo. Sul lato sinistro c’è un piccolo connettore rotondo per la ricarica, un’uscita HDMI a cui collegare sorgenti video esterne, un connettore USB 3.1 Type-C (che non consente la ricarica della batteria) e due porte USB 3.0, una delle quali supporta la ricarica di dispositivi mobili.

Sulla destra è presente uno slot per un lettore di schede SD/SDHC/SDXC, un’uscita combinata per cuffie da 3,5 mm, una porta USB 2.0, un indicatore delle attività del sistema (blu/rosso) e un altro led che indica lo stato di alimentazione. Sul bordo destro si trova la fessura di blocco Kensington. In generale, tutte le porte esterne sono abbastanza comode ed ergonomiche nell’uso, sebbene l’uscita audio potrebbe non essere apprezzata in questa posizione, ma molto dipende dai gusti. 

Non ci sono porte sul bordo anteriore. Al centro c’è una piccola sporgenza di plastica nella cornice dello schermo, che facilita il sollevamento del coperchio del laptop. Difficilmente si può però sollevare il coperchio con una mano senza sostenere la parte inferiore del dispositivo.

Nella parte posteriore non ci sono porte o altro. L’unica cosa che si nota sono le cerniere e, sebbene dipinte in un unico colore con tutto il resto dello chassis, non sono in metallo, ma in plastica. La copertura superiore è piatta e uniforme, ma spicca in rilievo il logo Acer di colore argento. Lo spessore del coperchio di profilo, in combinazione con un pannello metallico e un bordo in plastica che racchiude il display, è di soli 5 mm.

 

Display di livello

Recentemente, anche i laptop economici possono mostrare foto in alta risoluzione. Un esempio è proprio l’Acer Swift, che offre un display IPS da 14 pollici con risoluzione di 1.920 × 1.080 pixel (157 ppi). In pratica questi numeri equivalgono alla più conosciuta risoluzione Full HD, un bene anche per la visualizzazione di video. 

Gli amanti delle cornici molto sottili non rimarranno di certo impressionati da quelle presenti sullo Swift, anche se ai lati sono comunque molto strette. Il touchscreen in questo modello, non è previsto. Il fatto che la matrice del display sia IPS consente di visualizzare foto con colori caldi e abbastanza bilanciati. 

Ovviamente, mancando la possibilità di calibrazione non si può ottenere il massimo della fedeltà dei colori, ma è bene ricordare che il laptop, nel suo insieme, non è progettato per l’editing di foto o video. Quindi è improbabile che ciò diventi un problema e che i difetti di calibrazione saranno evidenti solo attraverso un confronto diretto con schermi più personalizzabili.

 

Prestazioni in linea con l’hardware

Ma anche questo laptop non è esente da difetti, che si rivelano principalmente sul lato processore. Acer ha inserito una CPU Intel Pentium N5000 quad-core che ha un velocità nominale di soli 1,1 GHz, che arriva a 2,2 GHz in modalità turbo. Non è di certo una configurazione che lascia a bocca aperta, anche perché parliamo di un processore un po’ datato. Almeno un core i3 o un i5 sarebbero stati graditi. Chiaramente sarebbe lievitato il prezzo, ma almeno si poteva contare su un laptop per eseguire qualche software impegnativo. E non aiutano di certo i soli 4 GB di RAM.

I laptop con parametri di prestazione simili sono spesso chiamati “macchine per scrivere”. C’è del vero in questo, perché per compiti e giochi impegnativi questa configurazione non è davvero sufficiente. È però abbastanza per navigare in internet, gestire la posta, i programmi di office automation, la messaggistica istantanea e il multimedia, ma a patto di non sovraccaricare il laptop con un gran numero di attività simili eseguite contemporaneamente. 

Il raffreddamento è di tipo passivo e quindi non si sente alcun rumore di ventole. E questo è semplicemente fantastico per coloro a cui piace lavorare in silenzio. A questo contribuisce anche il disco SSD (quindi privo di parti meccaniche in movimento) da soli 128 GB. È meglio prevedere almeno un altro disco esterno dove salvare la maggior parte dei dati, perché tra sistema operativo Windows 10 Home, qualche software indispensabile e un antivirus di spazio a disposizione ne rimane ben poco.

Il modulo WLAN integrato si basa  su un chip Intel Wireless-AC 9560, che supporta non solo gli standard 802.11a/b/g/n ma anche il più veloce AC. Inoltre, è offerta anche la connessione Bluetooth 5.0, utile per collegare cuffie o mouse senza fili.

Per quanto riguarda l’autonomia della batteria non c’ che da battere le mani ad Acer. Il laptop, senza stressarlo particolarmente, arriva tranquillamente a quasi sei ore e mezza di autonomia. In pratica, ciò significa che Acer Swift 1 sarà sufficiente per una giornata di lavoro completa e molto intensa. Inoltre richiede meno di due ore per caricarsi completamente attraverso una presa di rete elettrica.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (21 voti, media: 4.80 su 5)
Loading...