5 consigli per bloccare lo spam nella casella di posta

Ultimo aggiornamento: 21.09.20

 

Le mail indesiderate sono l’incubo di chiunque possieda una casella di posta elettronica. Ecco come evitare di ricevere troppo spam

 

Tutto ciò che rende l’e-mail così conveniente, l’invio di messaggi gratuiti e in modo molto rapido, la rende anche sensibile allo spam e neanche il miglior computer desktop al mondo ne è immune. Con solo un elenco di indirizzi (ampiamente disponibili online), gli spammer professionisti possono bombardare allegramente le loro vittime con tutti i messaggi che vogliono e hanno una serie di strumenti automatizzati per aiutarli ad aumentare il volume delle mail spazzatura.

Ecco cinque strategie per eliminare lo spam e pulire definitivamente la vostra casella di posta.

 

Allenare il filtro antispam

Al giorno d’oggi, la maggior parte dei client di posta elettronica includono una qualche forma di rilevamento dello spam. Il provider contrassegna automaticamente i messaggi che sembrano inutili o fraudolenti e li sposta in una cartella speciale dove è possibile rivederli in un secondo momento. Tuttavia, questi filtri funzioneranno molto meglio se gli si fa notare quando hanno scelto bene o fatto un errore. In altre parole, il filtro antispam non è una barriera fissa e immutabile: si possono configurarne le impostazioni e le azioni per migliorarne le prestazioni.

Ad esempio, nell’app web di Gmail, ogni volta che si apre un’email, si vedrà un pulsante “Segnala come spam” (sembra un punto esclamativo) nella parte superiore della pagina. Basta fare clic su questo quando si trova un messaggio che è riuscito a sgattaiolare oltre i filtri antispam di Google. Al contrario, se nella cartella Spam si trova un’e-mail utile, si deve aprire e fai clic sul pulsante “Non spam” nella parte superiore della pagina.

Annullare l’iscrizione

Molti elementi che consideriamo “spam”, come newsletter ed e-mail sulle offerte, mirano a migliorare la propria vita. Tuttavia, questi messaggi che hanno le migliori intenzioni si sommano, affollando la casella di posta fino a quando diventano stressanti. Invece di eliminarli in massa, è meglio cercare i link per annullare l’iscrizione per interrompere la ricezione di e-mail da quella fonte.

Questi collegamenti di solito compaiono nella parte inferiore di un’e-mail, perché il più delle volte il mittente non vuole davvero che si annulli l’iscrizione. Quando si trovano questi link, spesso indirizzano a una pagina che chiede di confermare la decisione. Una volta fatto, la maggior parte delle fonti rispetterà i vostri desideri e verrete rimossi dalle loro mailing list. 

Per gli utenti di Gmail, questo processo è ancora più semplice, perché se il servizio rileva il collegamento di annullamento dell’iscrizione nel corpo del testo, questo verrà visualizzato in primo piano nella parte superiore dell’e-mail. Lo stesso vale per Mail su iOS: copierà qualsiasi link di annullamento dell’iscrizione nel corpo del testo e lo visualizzerà nella parte superiore dell’e-mail, vicino alla barra degli strumenti.

 

Utilizzare un indirizzo email alternativo

Molti messaggi indesiderati arrivano nella casella di posta quando si ordina un prodotto o ci si iscrive a una mailing list, quindi l’azienda automaticamente comincia a inviare aggiornamenti di marketing indesiderati o condivide le proprie informazioni di contatto con un inserzionista. Una soluzione alternativa a questo problema è creare un indirizzo e-mail secondario che è possibile utilizzare per alcune di queste attività Web, come lo shopping online o la prenotazione di hotel.

Mentre un altro indirizzo e-mail non impedisce l’arrivo dello spam, quei messaggi indesiderati verranno visualizzati in un account di posta elettronica secondario anziché in quello principale, mantenendo la posta in arrivo principale libera da e-mail poco desiderate. Con Gmail, Yahoo, Outlook o Mail.com si possono configurare account gratuitamente, seguendo la stessa procedura che si utilizza per creare un account originale.

A seconda del client di posta elettronica, potrebbe non essere necessario un account completamente nuovo. Molti clienti accetteranno variazioni del tuo indirizzo email esistente. Ad esempio, gli indirizzi Gmail ignorano i punti, quindi le e-mail inviate a mario.rossi@gmail.com” e “m.rossi@gmail.com” arriveranno entrambe nella stessa casella di posta. 

Perché è utile? In questo modo si può inserire una variazione nell’attuale indirizzo e-mail ogni volta che ci iscrive o si acquista qualcosa, quindi creare un filtro Gmail per mettere qualsiasi e-mail inviata a quell’indirizzo nella sua cartella. Per creare un filtro nell’interfaccia Web, fare clic su Opzioni (sembra un ingranaggio) in alto a destra, seguito da Impostazioni, quindi “Filtri” e “indirizzi bloccati”. Fare clic su “Crea un nuovo filtro “, inserire il proprio indirizzo ottimizzato nel campo “A”, quindi decidere cosa fare con queste e-mail. Si possono contrassegnare come letti immediatamente, archiviarle e via dicendo.

 

Scaricare estensioni di terze parti

L’app MailWasher può essere un ottimo compagno per combattere lo spam. Se molto spam passa attraverso il filtro antispam del client di posta elettronica, si può aggiungere un’app di terze parti per integrarlo. Questo tipo di servizio intercetta i messaggi mentre viaggiano tra un server di posta elettronica (il cloud in cui sono archiviati i messaggi) e un client di posta elettronica (dove vengono effettivamente visualizzati i messaggi).

Per essere gratuita, MailWasher è efficace e facile da usare. Basta inserire i dettagli di accesso e-mail e questo servizio applica una serie di filtri intelligenti per identificare i messaggi indesiderati. Su macchine macOS, gli utenti raccomandano SpamSieve. Come Mailwasher, si basa su un sistema di filtro intelligente che diventa più intelligente nel tempo riconoscendo che i messaggi che si accettano sono spam o contrassegnati come sicuri. Mentre si adatta alle proprie preferenze, lascerà passare solo messaggi autentici.

Proteggere il proprio indirizzo e-mail

Abbiamo già parlato della creazione di un secondo indirizzo e-mail per sopportare il peso dello spam. Ma si dovrebbe cercare di mantenere il proprio indirizzo principale il più segreto possibile. Ciò significa nasconderlo da pagine pubbliche, come il sito Web personale o il profilo Twitter, dove bot e truffatori possono trovarlo. 

Se il proprio lavoro richiede di rendere disponibili le informazioni di contatto, si può provare a scrivere un lungo indirizzo email, qualcosa come “Mario Rossi servizio di posta elettronica di Google”, ogni volta che si deve visualizzarlo sul Web. Questo formato ha senso per un essere umano, ma un bot automatizzato non lo riconoscerà come un indirizzo e-mail.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments