HP Elite 8300 – Recensione

Ultimo aggiornamento: 07.12.19

 

Principale vantaggio

Come per molti altri computer ricondizionati anche questo offre un prezzo molto vantaggioso in relazione alla dotazione hardware che offre, decisamente di buon livello vista anche la presenza di due dischi fissi.

 

Principale svantaggio

Il PC non viene venduto con tastiera e mouse, quindi se non dispongono già, è necessario acquistarli a parte con una spesa comunque che non è molto alta.

 

Verdetto: 9.8/10

Un classico PC da ufficio comunque molto potente che volendo si può utilizzare anche a casa, se non si è dei patiti di videogiochi visto che la scheda video presente non è adatta a questo scopo. Prezzo interessante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

Da un marchio famoso per la qualità dei suoi prodotti come HP ecco un PC ricondizionato che può venire incontro a molte esigenze lavorative. HP Elite 8300 infatti fa parte della linea business dell’azienda americana, ma ci può stare, magari con qualche accorgimento nella configurazione hardware a diventare anche un ottimo computer da tenere sulla scrivania di casa.

Tanto spazio

La caratteristica migliore che offre questo PC è senza dubbio la sua dotazione di spazio di archiviazione. All’interno del computer sono proposti due dischi fissi. il primo è un veloce SSD da 240 GB dove è installato il sistema operativo Windows 10 Professional. Il secondo disco è un modello “meccanico” da 500 GB utile per salvare video, foto e musica, senza andare ad intaccare lo spazio del modello SSD che invece verrà utilizzato per installare i software che servono per le proprie esigenze lavorative e non. 

Infatti, i programmi installati in un SSD si aprono molto più rapidamente e anche la scrittura e lettura dei dati è molto più veloce rispetto a un normale HDD. In totale quindi si hanno a disposizione 740 GB di spazio, che sono più che sufficienti per un utilizzo “normale” del PC.

 

CPU e RAM potenti

Ad offrire prestazioni più che convincenti ci pensano processore e dotazione di RAM. La CPU proposta è un Intel Core i7-3770 che mette sul piatto una velocità di ben 3,9 GHz. Diciamo subito che non è un processore recentissimo, anzi, visto che è stato lanciato nel 2012 e fa parte della famiglia Ivy Bridge prodotto a 22 nm. 

Nonostante “l’età” la CPU è ancora in grado di fornire prestazioni più che accettabili, potendo contare su un clock molto alto e su 3 MB di cache. Se a questo si aggiungono gli 8 GB di memoria DDR3, ecco che la configurazione prende un’altra piega e diventa buona per chi cerca un computer desktop per il proprio ufficio abbastanza potente da non avere rallentamenti quando si utilizzano i vari software di produttività personale come Microsoft Office, posta elettronica e internet.

 

Scheda video ok solo per l’ufficio

Normalmente un PC per l’ufficio non richiede grandi prestazioni video, a meno che non si debbano montare filmati o fare fotoritocco pesante. Per questo genere di attività diciamo subito che questo modello HP non è adatto. Lo stesso dicasi per i giochi, soprattutto se recenti. La scheda video è integrata sulla motherboard ed è una Intel HD Graphics 2500 che va a sfruttare la RAM installata, e per fortuna in questa configurazione c’è n’é a sufficienza. 

Volendo però si può installare una scheda video discreta, anche se la scelta non è molto ampia visto che, per le dimensioni della scheda madre inserita, le tipologie di modelli compatibili non sono molte. Con l’inserimento di una scheda video separata si vanno a migliorare, e non di poco, le prestazioni e anche una partita al gioco preferito (se non recentissimo) si potrà fare. 

È chiaro che bisogna sostenere un costo ulteriore e installarei da sé la scheda, operazione abbastanza semplice ma per chi non è abile con l’hardware del PC potrebbe rivelarsi fin troppo complicata, tanto che sarà necessario considerare l’ipotesi di rivolgersi a un tecnico specializzato o al classico amico “smanettone”.

 

Chassis, in verticale o in orizzontale

Le dimensioni del PC proposto da HP sono abbastanza contenute e pari a 10 x 33,8 x 37,9 cm. Lo chassis “small form factor” è uno di quei modelli che consente di posizionare il computer sia in verticale, sia in orizzontale. Questa caratteristica era molto in voga nei PC da ufficio, perché permetteva (e permette) di scegliere la posizione più adatta sulla scrivania o anche al di sotto di essa, in base allo spazio a disposizione.

 

Porte e uscite

Per poter collegare un monitor sono presenti sia una classica porte VGA sia una più recente DisplayPort, entrambe posizionate sul retro del PC. Sempre in questa zona le immancabili PS/2 per mouse e tastiera (anche se consigliamo di optare per modelli USB) una Ethernet LAN Rj-45 da 10,100,1.000 Mbit/s. Ricca la dotazione di porte USB che comprende sei di tipo 2.0 e quattro di tipo 3.0. Quattro di queste sono posizionate nella zona frontale per un facile accesso, utili per collegare HDD esterni o chiavette USB. 

Sempre nella parte frontale sono offerte le uscite audio per cuffia e l’ingresso per il microfono. Non manca anche un lettore/masterizzatore DVD DL che nonostante tutto può ancora essere utilizzato per installare alcuni software o per fare dei backup dei dati. Il case, sviluppato sicuramente qualche anno fa da HP prevede anche lo slot per inserire il mitico lettore di floppy-disk, ma sinceramente non crediamo che possa servire nel 2019 ed infatti non è previsto nella dotazione.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...