L’importanza delle buste per una campagna marketing vincente

Ultimo aggiornamento: 26.09.21

 

Anche se viviamo oramai in un’epoca in cui il digitale la fa da padrone, con i social network, le newsletter e tutto ciò che concerne le relazioni via web, utilizzare metodi che possono sembrare antiquati, come le buste, aiuta ad avere un impatto più immediato sui clienti, affiancando i nuovi mezzi di comunicazione.

 

Quelle di carta costituiscono un vero e proprio biglietto da visita, soprattutto se vengono caratterizzate dal marchio dell’azienda, così da presentare subito la propria attività con un’aura di ufficialità, che la connota quindi di serietà e rende l’utente più vicino, fino a fidelizzarlo.

Ma ci sono buste più adatte di altre? E quale formato si deve scegliere? Vediamolo insieme nel nostro articolo!

 

Quale formato preferire?

Può sembrare una domanda banale, eppure le dimensioni della busta sono il primo elemento da considerare, quando si vuole promuovere correttamente la propria azienda. In commercio ce ne sono diverse, ma le più indicate sono senza dubbio queste:

♦ Buste 11×23 strip senza finestra: sono le standard, adatte a qualsiasi tipo di comunicazione, quindi versatili e pronte per ogni esigenza.

♦ Buste 22,9 x 32,4 strip con o senza finestra: di dimensioni più importanti, che sono indicate soprattutto per l’invio di materiale pubblicitario.

♦ Buste 17 x 17: la loro caratteristica forma quadrata consente anche l’invio di inviti o promozioni in maniera molto diversa dal metodo classico.

Questi tre modelli, a differenza di altri forse più classici, permettono di distinguersi dal resto e di risaltare subito all’occhio dell’utente, che capirà anche dalla forma di quale azienda si tratta. Per rendersi ancora più riconoscibili, è possibile aggiungere altri particolari alle proprie buste.

Il colore

Gli utenti mettono sempre attenzione a ciò che ricevono e memorizzano tutte le caratteristiche possibili: ecco perché il vostro mezzo di comunicazione deve distinguersi dalle altre. Come fare? Semplicemente optando per buste colorate che permettano di essere subito riconoscibili: solo guardando formato e tonalità, l’utente deve capire di cosa si tratta.

Pensate a quanta pubblicità riceviamo ogni giorno via telefono, smartphone, WhatsApp, e via dicendo, per cui scegliere un mezzo di comunicazione così classico porterà solo all’effetto opposto: sorprendere. Chi opta oggi per la pubblicità via lettera? Solo chi ha intenzione di mettere in risalto la propria azienda!

 

Personalizzare la busta

Forse è inutile dire che le buste da scegliere devono essere di ottima qualità: non lesinate sulle spese, perché anche da questo si evince l’interesse nei confronti del pubblico, che non sarà positivamente colpito da un biglietto da visita mal messo.

In questo modo verranno inserite all’interno di una strategia di direct marketing, che ha lo scopo di creare, sviluppare e finalizzare una relazione a lungo termine con una determinata fascia di utenti, ovvero il target. In questo frangente si colloca la personalizzazione della busta, che deve rendere subito riconoscibile il logo dell’azienda, così da permettere una serie di associazioni all’utente, che rimarranno ben ferme nella mente.

Una volta scelte le buste in base al formato e al colore, sarà quindi opportuno imprimervi il proprio marchio, già segno distintivo, adesso ancora meglio caratterizzato grazie a un mezzo di comunicazione innovativo anche se antico.

Non solo, perché questa soluzione può essere utilizzata anche per la promozione di eventi aziendali, così da rafforzare l’identità del proprio brand, o per comunicazioni rivolte ai propri fornitori, oltre che per fare pubblicità e quindi rimanere ancorati al proprio target.

Se, infatti, all’apparenza la busta è un oggetto di per sé semplice e anche, se vogliamo, anonimo, quando viene personalizzata assume una capacità molto forte, che è quella di suscitare l’interesse in chi la riceve. La domanda infatti sarà spontanea: cosa vuole da me questa azienda? Come mai mi invia una lettera e non un semplice messaggio sul cellulare, come fanno tutte le altre?

Lo scopo è quello di far capire al potenziale cliente che si è impiegato del tempo per scegliere busta, colore e formato, per far colpo proprio sull’utente, che in questo modo si sente rivestito di un interesse che gli fa dire: questa azienda ha fatto tutto questo per comunicarmi qualcosa e questa cosa deve essere importante.

Carta o altro?

Un altro aspetto che denota una cura non indifferente del mezzo di comunicazione scelto è il materiale di fabbricazione delle buste. Non devono infatti essere sempre e per forza in semplice carta, ma possono anche essere realizzate in cartone, molto più robusto, o in plastica.

Se la vostra azienda produce, per esempio, creme di bellezza, scegliere una busta imbottita, magari arricchendola con una bella grafica esterna, può aiutare a inviare anche qualche campioncino che permetta all’utente di provare direttamente il vostro prodotto e quindi a testarlo, per verificarne la validità.

Per fare dei regali a dei clienti speciali, che volete fidelizzare, potreste anche optare per le scatole a cuscino, all’interno delle quali inserire un omaggio, sempre previa personalizzazione con logo del vostro brand. 

 

Individuare il target

Resta alla base di tutta la vostra campagna di marketing e quindi è proprio la discriminante che può determinare la scelta del contenuto della busta: a chi vi rivolgete? Se la vostra azienda è piccola e avete bisogno di una platea di nicchia, una volta fatte le vostre ricerche, non sarà difficile cercare di accontentare quella fetta di utenti che può essere interessato ai prodotti che offrite.

Considerando il budget a disposizione potrete stabilire esattamente a chi indirizzare la lettera o il gadget, magari invitando la persona a visitare il vostro sito web o il negozio, offrendo uno sconto o un omaggio al primo acquisto.

Unendo questo elemento alla scelta di una comunicazione originale, l’utente si sentirà invogliato a fare quatto passi e venire a trovarvi o ad accendere il computer e dare un’occhiata al nuovo negozio online, fino a concludere un acquisto.

Pensate anche alla possibilità di inviare una tessera che fidelizzi il cliente, che in questo modo sarà portato a spendere perché, in cambio, otterrà un benefit al raggiungimento di una certa soglia o dopo un numero di acquisti da voi prefissato.

In ogni caso, presentarvi con una busta recapitata direttamente a casa del possibile utente sarà un ottimo biglietto da visita che lo farà sentire considerato come persona e non come numero, invogliandolo così a conoscere meglio chi gli ha rivolto tutta questa attenzione.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI