Le 7 Migliori Plastificatrici del 2024

Ultimo aggiornamento: 25.05.24

 

Plastificatrice – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni

 

La plastificatrice è uno strumento che permette di conservare più a lungo fotografie stampate, disegni dei bimbi e molto altro ancora. In questa guida siamo andati alla ricerca delle migliori in commercio: se non avete molto tempo da dedicare alla lettura, vi anticipiamo due proposte interessanti. La prima è la plastificatrice Olympia A330 Plus, indicata per i formati di grandezza massima A3 e caratterizzata da un funzionamento semplice. Viene venduta con una scorta di ben 40 pellicole adesive. Il secondo modello che ci ha colpito è Amazon Basics Plastificatrice a caldo, A4 che è invece adatto per formati A5 e A4 e include due fogli per iniziare subito a usarlo.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 7 Migliori Plastificatrici – Classifica 2024

 

Scegliere la migliore plastificatrice non è un compito semplice: basta fare una piccola ricerca per essere letteralmente travolti dai migliaia di prodotti venduti online. Se vi state chiedendo quale plastificatrice comprare, di seguito trovate alcune tra le proposte migliori in commercio. Abbiamo fatto una comparazione dei loro pregi e difetti, che trovate insieme alla loro descrizione di seguito.

 

 

Plastificatrice A3

 

1. Olympia Laminatore Documenti A330 per A3 inkl. 40 Fogli

 

Tra le migliori plastificatrici del 2024 includiamo il set composto da una macchina A3 e ben 40 pellicole adesive per usarla sin da subito: parliamo di quella di Olympia. Il design moderno e le dimensioni compatte la rendono semplice da collocare e, considerando il peso leggero, si sposta senza fare alcuno sforzo.

La larghezza massima della plastificazione è di 330 mm e l’operazione può essere eseguita a caldo o  freddo, essendo entrambe le tecnologie in dotazione alla macchina. Il tempo di riscaldamento può variare dai tre ai cinque minuti, grazie al sistema veloce ideato per evitare la formazione di bolle. 

In caso di surriscaldamento, l’apparecchio si spegne automaticamente per non rischiare di limitare le prestazioni del prodotto. Velocissimo a plastificare, è dotato di un pulsante anti inceppamento e di spie LED che si avviano quando è pronto all’uso. 

Se volete acquistare la plastificatrice Olympia a prezzi bassi online, cliccate sul link che segue la descrizione. 

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: Tra le caratteristiche di maggior spicco di questa plastificatrice c’è sicuramente il costo vantaggioso, tenendo conto delle 40 pellicole adesive incluse nella confezione. Non sorprende perciò che sia tra i modelli più venduti.

Tecnologia: Questo apparecchio permette di eseguire plastificazioni a caldo o a freddo, secondo le esigenze. Il meccanismo anti inceppamento assicura un funzionamento fluido e le spie LED indicano quando il prodotto è acceso e pronto per essere usato. 

Facilità di utilizzo: Un solo tasto per decidere se plastificare a caldo o a freddo. Nel primo caso è necessario attendere qualche minuto per fare scaldare la macchina e, quando la spia LED diventa verde, è pronta all’uso. 

 

Contro

Formati: La grandezza massima corrisponde a fogli A3, quindi non è possibile plastificare formati maggiori.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Plastificatrice A4

 

2. Amazon Basics Plastificatrice a caldo, A4

 

Tra le offerte più interessanti del web c’è questa plastificatrice Amazon, di dimensioni compatte quindi pensata anche per chi non ha molto spazio sulla scrivania o in casa. Plastifica documenti di larghezza massima pari a 229 mm, mentre il controllo della temperatura è possibile in due posizioni.

Lo spessore massimo deve essere di 5 mil; saprete quando la plastificatrice è pronta grazie alla spia che si accende senza grossi problemi nel momento in cui è stato raggiunto il calore giusto.

Potrete plastificare anche fotografie, inoltre i formati supportati sono A4 e A5, quindi si tratta di un prodotto che va bene con la maggior parte dei prodotti di questo genere. Nella confezione troverete anche il cavo per farla funzionare, che ha una spina europea.

Sono inclusi inoltre due fogli plastificatrice A4 laminati, per iniziare a lavorare. Tuttavia, secondo i pareri degli utenti, non si tratta di un prodotto per uso professionale. 

 

Pro

Compatta: Grazie alle sue dimensioni, questa plastificatrice garantisce di occupare poco spazio in casa.

Funzioni: Tramite l’unico tasto potrete accenderla e regolare la temperatura in due posizioni.

Formati: Supporta A4 e A5 e inoltre può plastificare anche le fotografie, diventando così multifunzione.

 

Contro

Non per uso professionale: Al pari di una plastificatrice Lidl, anche questa non può essere impiegata negli uffici con risultati eccelsi. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Plastificatrice a caldo

 

3. Ditac Plastificatrice a Caldo A4 A5 A6 A7

 

Volete un prodotto un po’ più funzionale, come una plastificatrice Unieuro, ma più economico? Date un’occhiata a quello di Ditac, ovvero un set 4 in 1 ideale tanto per la casa quanto per la scuola o l’ufficio, che include anche un arrotondatore per angoli, un tagliacarte e 30 buste per la laminazione.

In particolare questo sono dieci A4, dieci A5 e dieci A6, per cui potrete iniziare subito a usare questo strumento. Il design di questa plastificatrice è a due rulli, per cui si tratta di un oggetto veloce e anche efficiente.

Il riscaldamento avviene in circa tre minuti ed è presente anche un pulsante anti inceppamento, che permette di risolvere subito problemi simili. Se non sapete dove acquistare un modello che lamini a caldo e a freddo, questo potrebbe essere ideale, visto che può sfruttare entrambe le funzioni.

Le sue dimensioni inoltre sono tali da garantire di non creare ingombro anche su piccole scrivanie. Non potrete però contare sulle istruzioni in italiano, che non sono contenute nella scatola. 

 

Pro

Veloce: Grazie al design a due rulli, questo modello è efficiente e dedicato a chi ha bisogno di avere molti fogli pronti.

A caldo e a freddo: Questo prodotto è in grado di effettuare entrambi i tipi di laminazione, quindi è un modello molto funzionale.

Set completo: Nella confezione troverete una serie di oggetti utili, oltre ai 30 fogli, anche un arrotondatore per angoli e un tagliacarte. 

 

Contro

Istruzioni: Non sono presenti quelle in lingua italiana, per cui non potrete avere un aiuto in più.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Plastificatrice a freddo

 

4. Morpilot Plastificatrice A3 a Caldo e Freddo

 

Se cercate nello specifico una plastificatrice A3, quella di Morpilot può essere ideale grazie alla larghezza dei documenti sui quali può agire, ovvero quelli fino a 330 mm. Il rullo ad angolo è in grado di lavorare bene sui fogli, dei quali ne troverete 20 nella confezione, ovvero dieci A3 e dieci A4.

Grazie al chip di controllo temperatura, potrete usarla subito, in quanto si riscalderà in massimo cinque minuti; la tecnologia di riscaldamento PWM rende tutto più stabile e quindi non rischierete di creare le fastidiose bolle, a meno che non usiate fogli troppo spessi.

Potrete contare anche sul pulsante ABS per il ricentramento o anche per evitare che la carta si inceppi. Anche questo prodotto conta su due rulli e ha un costo decisamente alla portata di tutti, per cui si tratta di un acquisto molto valido.

 

Pro

A3 e A4: Questa plastificatrice può supportare questi due formati e potrete iniziare a usarla da subito grazie ai fogli acclusi.

Veloce: Si riscalda in massimo cinque minuti, inoltre è dotata di un chip che garantisce anche la vostra sicurezza, regolando la temperatura.

Costo: Si tratta di un modello che non comporta una grossa spesa, per cui va bene anche per le piccole tasche. 

 

Contro

Spessore fogli: Meglio scegliere quelli meno doppi, se non si vuole che si vadano a creare delle bolle.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Plastificatrice Fellowes

 

5. Fellowes 5736001 Plastificatrice Saturn 3i, Formato A3

 

La plastificatrice Fellowes è caratterizzata da prestazioni di alto livello e destinata a un utilizzo di media entità, quindi è ideale per i piccoli uffici e altri ambienti di lavoro simili. Un apparecchio tecnologico che consente di plastificare tutti i formati, fino agli A3, con estrema facilità. 

Piccola e compatta, è una plastificatrice dal design moderno, che consente la laminazione a caldo o a freddo, secondo le esigenze. Si riscalda in soli 60 secondi grazie alla Tecnologia InstaHeat, della quale è dotata, e la presenza di un sensore di inserimento avvisa se il foglio da plastificare è stato posto nella maniera corretta.

Si spegne automaticamente dopo mezz’ora di inattività e non manca di funzione anti inceppamento. La confezione include dieci pouches per iniziare a usare la macchina sin da subito. Il costo è superiore alla media, ma considerandone l’efficienza e la qualità, non c’è da stupirsi. 

 

Pro

Tecnologica: Un apparecchio che piace per la tecnologia che lo contraddistingue. Plastifica a caldo e a freddo formati di tutti i tipi, con grandezza massima A3, ed è dotata di due importanti funzioni che consentono di prevenire consumi energetici eccessivi e inceppamenti della carta. 

Design: L’estetica del prodotto, studiata per assicurare efficienza e facilità di utilizzo, consente il minimo ingombro e si sposta senza fare alcuno sforzo perché pesa poco. 

Rapidità: La velocità di riscaldamento è garantita dalla tecnologia all’avanguardia della quale è dotata. In base al tipo di utilizzo è pronta dopo solo 30 o 60 secondi dall’accensione.

 

Contro

Costo: Non si tratta di un modello economico, ma se cercate una macchina affidabile e duratura, questa potrebbe essere l’alternativa adatta alle vostre esigenze. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Plastificatrice professionale

 

6. Hanchen Plastificatrice A2+ 440mm Laminatrice a Caldo e a Freddo

 

La plastificatrice di Hanchen è un prodotto che può lavorare su fogli a partire da A2 e con uno spessore pari 0,1 – 5 mm. I livelli di rotolamento regolabili sono nove in tutto e vanno da 0,3 a 3 m/min; potrete sfruttare la modalità calda o quella fredda, da 0 a 180°.

La plastificazione può essere tanto mono quanto bifacciale, inoltre i rulli sono regolabili sia per quanto concerne la distanza tra quello superiore e quello inferiore, sia per l’intervallo, tramite un dado da muovere con la mano.

Il sistema adottato è aggiornato di recente e permette di passare velocemente dalla modalità calda a quella fredda o da quella da uno a due lati con grande velocità. Presente anche un video sul web, grazie al quale potrete procedere con l’installazione.

Da considerare però il costo un po’ troppo alto rispetto a quello di altri modelli, che però sono anche meno performanti.

 

Pro

A2: Se avete bisogno di una plastificatrice in grado di stampare a partire dal formato A2 in poi, questa può fare al caso vostro. 

Sistema tecnologico: Grazie a questo potrete passare velocemente dalla modalità mono alla bifacciale e da quella fredda alla calda.

 

Contro

Costo: Se volete avere questo modello in casa, dovrete essere disposti a spendere un bel po’ in più del solito.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Plastificatrice Gbc

 

7. Gbc Fusion 3000L Plastificatrice a Caldo Ultracompatta A3

 

La plastificatrice Gbc Fusion 3000L è caratterizzata da un design semplice ed elegante, pensato per chi lavora a casa o per piccoli ambienti lavorativi. Compatta e facile da collocare ovunque, è un piccolo apparecchio ricco di tecnologia. 

Lavora con numerosi formati, fino ad A3 e consente di plastificare a freddo oppure a caldo, secondo le proprie esigenze. Dopo l’accensione si riscalda in meno di un minuto e, a indicare che la macchina è pronta, ci pensano la luce LED verde e un segnale acustico. 

La laminazione di alta qualità è assicurata dalla presenza di una guida regolabile e di un piano d’appoggio che hanno il compito di tenere i fogli ben allineati durante il funzionamento. Nel complesso una macchina efficiente che piace per l’estetica e la sua ottima funzionalità. 

Peccato però che, nella confezione, non siano inclusi i fogli, che dovranno perciò essere acquistati a parte.

 

Pro

Design: Questa macchina piace per l’estetica moderna e raffinata, adatta ad ambienti di lavoro creativi o a uffici domestici. Leggera e facile da spostare, è destinata a plastificare tutti i formati fino ad A3.

Utilizzo: I tasti sono pochi e il loro utilizzo è intuitivo anche per i principianti. Per assicurare una laminazione precisa e senza bolle, potete usare la guida regolabile e il vassoio di uscita. 

Rapidità: Plastifica in soli 30 secondi i formati A3 ed è pronta all’uso in un minuto. 

 

Contro

Accessori: Nella confezione non sono inclusi i fogli per plastificare e sarà quindi necessario acquistarli separatamente. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accessori

 

Fogli per plastificatrice

 

Fellowes 5306114 Pouches Di Plastificazione, Formato A4

 

Se state cercando dei validi fogli per plastificatrice, quelli di Fellowes vi assicurano buone prestazioni, visto che è una prerogativa del marchio usare tecnologie all’avanguardia nella creazione dei prodotti.

Il set contiene ben 100 pouches da 80 micron in formato A4. Per semplificarne l’utilizzo è presente un piccolo logo a freccia che sta ad indicare il verso corretto di inserimento e che scompare dopo la plastificazione. 

Sono inoltre disponibili in moltissimi formati diversi per rispondere a ogni tipo di esigenza. Tuttavia, lo spessore potrebbe non essere sufficiente per coloro che hanno intenzione di creare una plastificazione più rigida. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare una buona plastificatrice

 

Una plastificatrice consente di conservare al meglio documenti importanti o semplicemente, rende più professionali i biglietti da visita o il menù del proprio ristorante. C’è chi decide di acquistare questa macchina per proteggere dal tempo i disegni e altre “opere d’arte” dei propri figli.

Quindi, l’utilizzo di questo strumento è vario e si presta diversi scopi. Se vi state chiedendo come scegliere una buona plastificatrice, seguite i nostri consigli d’acquisto qui sotto, per fare maggiore chiarezza sulle sue caratteristiche principali.

La frequenza e il tipo di utilizzo 

La prima considerazione da fare, quando si vuole acquistare una macchina per la laminazione, consiste nel valutare la frequenza e l’intensità di utilizzo alla quale sarà destinata. Negli ultimi anni la tecnologia di questi strumenti ha fatto passi da gigante e il loro costo si è abbassato molto diventando accessibile a tutti. 

Questo discorso non vale per i modelli destinati a uso professionale, ma se cercate una soluzione casalinga da usare saltuariamente, la spesa da affrontare è minima. Detto ciò, per fare il migliore utilizzo del nuovo strumento, è bene assicurarsi di scegliere un modello in grado di soddisfare le esigenze di lavoro. 

 

I formati e lo spessore 

Altre caratteristiche da tenere in considerazione sono il formato e lo spessore di plastificazione che si intende ottenere. Queste macchine hanno dimensioni ben precise, che consentono di ottenere fogli in diversi formati. 

Per ogni modello quindi è sempre specificata la grandezza massima consentita dalla macchina, solitamente A3: questo significa che la plastificatrice può lavorare tutti i formati fino, appunto, e non oltre la A3.

Lo spessore della laminazione viene misurato in micron e rappresenta un altro elemento da valutare. Non sempre i fogli sono inclusi nel pacchetto e può capitare che il lato non abbia le dimensioni desiderate o quelle necessarie per il prodotto finale che si intende ottenere.

Anche in questo caso esiste un valore massimo di micron per ogni modello, che trovate sempre riportato come per i formati. La maggioranza delle plastificatrici di medio livello sono in grado di laminare fino a un massimo di 125 micron, mentre le macchine a uso professionale raggiungono anche i 250 micron. 

Gli optional 

Un ultimo aspetto da valutare è il livello di tecnologia della macchina, che si esprime anche nella presenza o meno di funzioni utili come l’anti inceppamento, lo standby o lo spegnimento automatico.

Optare per una di queste vuol dire assicurarsi un risultato di livello alto, come anche un risparmio dal punto di vista energetico: meglio spendere qualcosa in più per una plastificatrice che non richieda successivi interventi.

La maggioranza dei modelli di qualità sono forniti di luci LED che indicano l’accensione e il funzionamento della macchina. Spesso è presente un segnale verde che si illumina quando l’apparecchio è pronto per plastificare il documento.

È possibile scegliere tra laminazione a freddo o a caldo, in base al tipo di fogli da plastificare, e attendere solo qualche minuto per usare la macchina. 

 

 

 

Domande frequenti

 

Quali sono gli accessori per una plastificatrice?

Le plastificatrici non necessitano di accessori costosi, ma prima di acquistarli è bene verificare che il formato e le dimensioni siano compatibili con il modello che avete in possesso. 

La maggioranza dei prodotti in circolazione ha in dotazione un numero diverso di accessori, che consentono di usarli sin da subito, ma sarà comunque necessario acquistarne altri qualora le vostre esigenze siano differenti. 

I film adesivi e le pouches sono le pellicole che permettono di plastificare un foglio e possono avere diversi spessori. Le pouches, in particolare, sono una sorta di contenitori aperti nei quali si inserisce il documento da plastificare. 

Vengono generalmente utilizzate per le operazioni a caldo e possono avere delle finiture lucide oppure opache a seconda della propria preferenza. I film adesivi si trovano sotto forma di rotoli e si utilizzano per plastificare documenti di grandi dimensioni. 

Questi fogli hanno un lato adesivo ed è perciò importante inserirli nel modo corretto. Non a caso spesso sono presenti delle frecce che indicano il verso da seguire per collocarli in modo da portare a buon fine la plastificazione..

 

Plastificatrice a due o più rulli?

Le laminatrici possono avere un minimo di due rulli fino a un massimo di sei. Questa cifra ha un consistente impatto sull’efficienza e sulle prestazioni dell’apparecchio. In linea generale, le plastificatrici a due rulli sono quelle base e più si avanza con il numero e maggiore saranno le prestazioni dello strumento.

Non tutti i documenti o fogli hanno lo stesso spessore, per cui capita che le macchine a due rulli non siano efficienti nella plastificazione di fotografie, a differenza dei modelli a quattro o più rulli, che non mostrano alcun problema nell’esecuzione del lavoro. 

 

Come plastificare senza plastificatrice?

Plastificare senza una plastificatrice non è sempre una buona idea, o meglio, molto dipende dal tipo di documento sul quale intendete agire e dalla sua grandezza. I metodi fai da te più utilizzati sono due e riguardano l’utilizzo dello scotch oppure della carta adesiva trasparente.

Lo scotch, ovviamente non colorato o opaco, può essere utilizzato per piccoli ritagli e non per documenti importanti che rischiano di essere rovinati in modo permanente se non viene applicato correttamente. 

La seconda opzione consiste nell’usare la carta adesiva trasparente e lucida per conferire un look professionale al proprio lavoro: anche in questo caso serve prestare una certa attenzione durante l’applicazione.

Per entrambi i metodi potete trovare video tutorial online che spiegano il da farsi passo dopo passo. 

 

Come si plastifica con il ferro da stiro?

Un altro metodo per plastificare, senza una macchina per la laminazione, è quello di usare il comune ferro da stiro. Si tratta di un metodo di plastificazione casalingo, che però consente di raggiungere i migliori risultati se fatto nel modo corretto. 

Quello che serve è una custodia trasparente integra portadocumenti, un panno di cotone e un ferro a vapore. Si pone il disegno o il foglio da plastificare all’interno del portadocumenti e sopra ci si appoggia il panno di cotone. A questo punto basta avviare il ferro, farlo diventare caldo e quindi stirare sopra il panno di cotone: il gioco è fatto. 

Il risultato potrebbe sorprendervi ma, se avete dubbi sul da farsi, controllate i video online che riportano le sequenze da seguire e tutte le spiegazioni  del caso su questo metodo. 

 

 

 

Come utilizzare la plastificatrice

 

La plastificazione consente di preservare al meglio fogli importanti e proteggerli dall’usura. I documenti e tutti i ricordi, che avete riportato sulla carta, sono così più belli da vedere e allo stesso tempo al sicuro dal passare degli anni, che ne comportano il deterioramento. 

La plastificazione permette quindi di salvaguardare ciò che si desidera dall’umidità, dal calore e dalla polvere, tutti elementi che potrebbero compromettere dati che rivestono una certa importanza per voi.

Questa macchina è destinata a diversi contesti, professionali e non, e grazie alla vasta gamma di proposte del mercato per ogni budget non sarà difficile trovare il modello adatto alle vostre esigenze.

 

 

Come funziona la plastificatrice

Le plastificatrici sono caratterizzate dalla presenza di due tecnologie differenti: a caldo e a freddo. Nelle macchine recenti, anche di livello base, sono presenti entrambe le funzioni.

La plastificazione a caldo è quella più utilizzata ed è anche la più semplice da un certo punto di vista. Per svolgere questo tipo di lavoro è necessario attendere qualche minuto per permettere alla macchina di raggiungere la temperatura giusta. Nella maggioranza dei casi è presente una luce LED che si illumina, per indicare che la plastificatrice ha raggiunto la temperatura adatta. 

Un discorso diverso va fatto per la plastificazione a freddo, per la quale non è necessario attendere che l’apparecchio si riscaldi e che può essere usata anche per documenti sensibili al calore. 

Per eseguirla è necessario far scorrere il documento tra i film adesivi e farlo passare nei rulli, regolati per assicurare la giusta aderenza. La plastificazione a freddo, inoltre, è considerata più sicura rispetto a quella a caldo, anche se in molti preferiscono i risultati che si ottengono riscaldando la macchina.

 

Utilizzo domestico o professionale?

Per fare il migliore utilizzo di una plastificatrice è necessario valutare la sua destinazione d’uso, quindi la frequenza e la quantità di lavoro alla quale verrà sottoposta.  

Se avete intenzione di usarla a casa per prevenire l’usura di documenti e altri fogli importanti, potete optare per un modello da usare saltuariamente, che non deve essere troppo potente e costoso. 

Al contrario, se la vostra idea è quella di usarla in un piccolo ufficio o in un ambiente di lavoro simile, allora le esigenze cambiano e ci sarà la necessità di acquistare un modello più potente, in grado di operare in modo continuativo senza troppe interruzioni. 

In questo caso è meglio optare per plastificatrici dotate di autospegnimento e di un meccanismo che previene l’inceppamento dei documenti. 

 

 

Le dimensioni 

Un altro elemento da considerare, per utilizzare la nuova plastificatrice nel modo giusto, consiste nello scegliere il formato e lo spessore più adatti. Ogni strumento riporta il formato massimo supportato che, nella maggioranza dei casi, è un A3. 

Questo significa che la plastificatrice è in grado di agire su fogli di grandezza massima A3 ma anche su quelli più piccoli. Lo spessore è definito in micron e rappresenta la durezza della plastificazione. Maggiore è questo valore e più spessa è la plastificazione.

Infine, un ultimo aspetto da tenere in considerazione consiste nella resa delle pagine, ovvero la velocità di esecuzione della macchina. Le plastificatrici a uso professionale permettono di selezionare questo valore, per personalizzare la loro azione in base al documento sul quale si intende agire. 

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI