Il miglior mouse

Ultimo aggiornamento: 19.06.19

 

Mouse – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni del 2019

 

La semplicità di utilizzo di un mouse è impagabile, superiore secondo molti persino ai comandi touch. Se non sapete quale mouse comprare e non riuscite a districarvi tra i numerosi modelli presenti sul mercato, vi invitiamo a leggere con attenzione il nostro articolo dove troverete la risposta a tutte le vostre domande e anche una lista di offerte tra cui effettuare una comparazione al fine di selezionare il prodotto più adatto alle vostre esigenze. Per una rapida consultazione potete inoltre contare sulla nostra tabella comparativa che trovate più in basso. Tra i mouse venduti online, quelli che hanno catturato maggiormente l’attenzione dei consumatori sono: TeckNet PRO 2600 DPI, economico ma performante, con possibilità di modificare i DPI e Klim 207374, mouse pensato per i videogiocatori con molteplici tasti personalizzabili e DPI selezionabili fino a un massimo di 4.000.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I migliori mouse del mercato

 

La scelta di un mouse non deve essere presa alla leggera, soprattutto se utilizzate quotidianamente il computer per scopi lavorativi o di semplice intrattenimento. È importante preferire dei dispositivi comodi che ben si adattino alle vostre mani al fine di evitare crampi o problemi al tunnel carpale.

La lista di prodotti che trovate in basso, suddivisa per categorie, è stata realizzata prendendo in considerazione i pareri espressi dagli utenti. Ci è stato così possibile evidenziare pregi e difetti di ogni singolo dispositivo nelle nostre recensioni dei migliori mouse del 2019.

Sia che siate alla ricerca di un prodotto nuovo sia che preferiate puntare sul più economico, riuscirete a trovare il mouse che meglio si adatta alle vostre esigenze.

 

Prodotti raccomandati

 

Mouse wireless

 

TeckNet PRO 2600 DPI

 

Tra i più venduti spicca il mouse wireless di TeckNet, dal costo contenuto e molto semplice da usare. Trattandosi infatti di un mouse Plug & Play, tutto ciò che dovrete fare è collegare il ricevitore USB al computer e i driver verranno automaticamente caricati. Molto interessante la possibilità di selezionare la velocità del cursore tra 800, 1.200, 1.600, 2.000 e 2.600 DPI.

Gli utenti che non amano le colorazioni classiche possono scegliere tra cinque varianti cromatiche diverse: blu, grigio, nero, viola e rosso.

L’unico inconveniente dei mouse wireless è la necessità di utilizzare delle pile. Il nostro consiglio è di optare per quelle ricaricabili, in questo modo abbatterete il costo di utilizzo del dispositivo, provvedendo alla ricarica piuttosto che all’acquisto di nuove. Tra i vantaggi del prodotto TeckNet vi è anche la modalità di spegnimento automatico qualora il ricevitore Nano USB venga scollegato o se il PC è spento, aumentando di fatto la durata delle batterie.

Acquista su Amazon.it (€9,99)

 

 

 

VicTsing YPVTPC140AB-ITYP1

 

Molto più basilare è invece il mouse wireless proposto da VicTsing, dalle dimensioni estremamente contenute e dotato di ricevitore Nano USB per occupare quanto meno spazio possibile. Anche in questo caso è possibile selezionare il colore preferito scegliendo tra quattro varianti: bianco, viola, nero e rosso.

Il modulo wireless è a 2,4 GHz e garantisce la ricezione fino a 10 metri senza ostacoli, un po’ inferiore alla media ma comunque accettabile se consideriamo il basso costo. La velocità del cursore può essere regolata tramite la pressione del pulsante al di sotto della rotellina, scegliendo tra 800, 1.200 e 1.600 DPI. Come è facile intuire non si tratta quindi di un prodotto rivolto ai videogiocatori ma si rivela adatto solo a chi sta cercando un mouse da usare tutti i giorni per la semplice navigazione internet o per attività legate a lavori d’ufficio.

Tra i difetti riscontrati vi è una poca sensibilità del laser, che fa funzionare il mouse solo qualora si trovi su superfici molto lisce e piane.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Mouse gaming

 

Klim 207374

 

I videogiocatori più incalliti alla ricerca di un mouse gaming possono prendere in considerazione il prodotto Klim. Si tratta di un mouse dal costo più elevato rispetto alla media ma dotato di tutti i comfort che le lunghe sessioni richiedono. Il driver, compatibile unicamente con sistemi dotati di OS Windows, permette di scegliere la sensibilità del mouse fino a un massimo di 4.000 DPI, creare macro personalizzate e configurare i sette tasti come preferite per un’esperienza di gioco quanto più comoda possibile.

Nonostante i numerosi pregi e l’estetica notevole, il mouse Klim presenta però anche qualche piccolo difetto, secondo il parere degli utenti, infatti, il cavo risulta un po’ corto con 170 centimetri e, inoltre, non può essere utilizzato da chi è mancino.

Alcuni consumatori hanno invece apprezzato la possibilità di regolare persino un elemento puramente estetico come i led logo e la striscia luminosa, modificando intensità, durata, effetto e colori.

Acquista su Amazon.it (€25,9)

 

 

 

Ludos Flamma

 

Il mouse gaming Flamma di Ludos potrebbe a prima vista sembrare un prodotto classico, dalla forma convenzionale e quindi rivolto a utenti che ne devono fare un uso basilare. In realtà, sotto un design comune si nasconde un ottimo prodotto per videogiocatori con finitura antiscivolo e contro il sudore. È possibile scegliere tra otto impostazioni diverse per selezionare i DPI che preferite, da un minimo di 500 fino a un massimo di 10.000, fattore indispensabile per la precisione nei giochi FPS.

Le luci che vengono emesse dai LED possono essere regolate tramite il software gratuito scaricabile dal sito del produttore, programma che vi consentirà, inoltre, di regolare i tasti e creare macro per migliorare la vostra esperienza di gioco.

Uno dei fattori che potrebbe non convincere alcuni consumatori è però l’estrema leggerezza del mouse, elemento che non tutti considerano un pregio poiché nelle fasi concitate di gioco può portare a sbagliare facilmente.

Acquista su Amazon.it (€25,9)

 

 

 

Mouse verticale

 

CSL TM137U

 

CSL propone invece un prodotto che rientra in una categoria poco conosciuta, si tratta infatti di un mouse verticale da impugnare quasi come fosse un vecchio joystick. Uno dei vantaggi è la posizione comoda e naturale che il mouse vi porta ad assumere, evitando così la torsione prolungata del polso e dell’avambraccio, tipica nei mouse orizzontali, che porta solitamente a crampi e dolori muscolari.

TM137U è dotato di cavo USB da 1,5 metri ma, per chi lo preferisse, è disponibile anche l’alternativa wireless a un costo leggermente superiore. I sei tasti di cui è dotato sono disposti in modo da essere raggiungibili in qualsiasi momento con la rotellina facilmente azionabile dall’indice.

Gli utenti che sono abituati a passare molte ore al PC per motivi lavorativi o di studio dovrebbero prendere in considerazione il prodotto CSL poiché in grado di prevenire la sindrome del tunnel carpale. Sconsigliato invece per i videogiocatori, data la ridotta precisione.

Acquista su Amazon.it (€16,99)

 

 

 

TeckNet 76647

 

Il mouse verticale di TeckNet ha una linea diversa rispetto a quanto visto precedentemente, rivelandosi leggermente meno alto e adatto quindi anche a chi deve usarlo in spazi ristretti senza il rischio di colpire parti sopraelevate della propria scrivania.

La quantità dei pulsanti è standard, anche in questo caso sono sei, tuttavia permette di scegliere anche tra tre impostazioni DPI: 800, 1.200 e 2.000, garantendo un tracciamento più preciso sulla maggior parte delle superfici. Il modello in questione è wireless, per funzionare quindi necessita di due pile AAA e dell’inserimento del ricevitore Nano USB nell’apposito slot del computer.

Per evitare che le batterie si scarichino in pochi giorni, dopo 8 minuti di inattività il mouse entra in modalità risparmio energetico, ottimizzando al meglio i consumi e garantendo una lunga durata. Tra i problemi riscontrati, invece, vi è una poca fluidità del cursore causata solitamente da una eccessiva lontananza dal ricevitore.

Acquista su Amazon.it (€15,99)

 

 

 

Mouse Logitech

 

Logitech G502

 

G502 è un mouse Logitech pensato per l’utenza appassionata di videogiochi, il prezzo è dunque in linea con i dispositivi di fascia elevata, rivelandosi un acquisto impegnativo da affrontare solo qualora siate gamer incalliti.

Il design è molto futuristico con dettagli che sembrano provenire da un film di fantascienza, risultando esteticamente gradevole. Nella parte inferiore è presente il sensore HERO di nuova generazione che offre un tracking di precisione fino a 16.000 DPI con assenza di smoothing, filtraggio o accelerazione, per delle sessioni sempre precise e prive di errori. Sono presenti undici pulsanti programmabili tramite software Logitech con cui potrete anche creare delle macro.

Uno dei vantaggi più importanti, però, è dato dalla presenza di cinque pesi da 3,6 grammi che potrete inserire o rimuovere dal mouse in modo da renderlo più leggero o più pesante in base alle vostre esigenze. Un dettaglio che solo i dispositivi di fascia elevata offrono.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Logitech MX Master AMZ

 

Un ulteriore mouse Logitech che analizziamo è quello facente parte della linea MX Master: AMZ, con design appositamente pensato per Amazon. Si tratta di un dispositivo wireless in grado di interfacciarsi con tre computer diversi simultaneamente, passando dall’uno all’altro tramite la semplice pressione di un pulsante. Tale caratteristica è fondamentale per gli utenti che lavorano su diversi PC, come per esempio i programmatori. La cura nella creazione del prodotto è visibile fin dal design ergonomico in grado di sostenere perfettamente la mano e il polso offrendo una posizione comoda e naturale.

Oltre alla classica rotellina presente sulla parte superiore del mouse, è stato installato anche uno scroller laterale, azionabile con il pollice dopo averlo configurato tramite il software Logitech Options.

Invece di sfruttare delle pile AA come la maggior parte dei mouse wireless, il prodotto è dotato di cavo di ricarica micro USB, che fornisce energia a sufficienza per circa 30 giorni, calcolando un uso quotidiano di 6 ore.

Acquista su Amazon.it (€62,99)

 

 

 

Mouse bluetooth

 

TeckNet 474940

 

I mouse bluetooth come quello proposto da TeckNet, hanno il vantaggio di potersi interfacciare direttamente con i computer portatili senza la necessità di sfruttare alcun tipo di ricevitore. Tutto ciò che dovrete fare è attivare il modulo bluetooth sul vostro computer ed eseguire il pairing con il mouse per poter iniziare a utilizzarlo.

L’impugnatura è ergonomica con lati gommati per un avere sempre una presa salda e una maggiore precisione di puntamento. Se consideriamo il costo contenuto, la possibilità di selezionare uno tra cinque valori DPI, da un minimo di 800 fino a un massimo di 3.000, è una piacevole aggiunta, soprattutto per gli utenti che vogliono risparmiare ma al contempo necessitano di un mouse efficiente.

Passando invece ai dettagli che non hanno pienamente convinto i consumatori, troviamo la necessità di utilizzare due pile AA che vanno ad aumentare considerevolmente il peso del prodotto.

Acquista su Amazon.it (€13,59)

 

 

 

HP Z5000

 

Nella categoria dei mouse bluetooth troviamo Z5000, un mouse HP dal design molto basico disponibile in tre colorazioni diverse: antracite/bronzo, argento/nero e bianco. Rispetto ad altri dispositivi, ciò che rende unico Z5000 è l’elevata compatibilità con i più recenti sistemi operativi, da Windows a Mac OS X passando per Chrome OS e Android. Non avrete dunque problemi a effettuare il pairing con Chromebook o prodotti Apple.

Poiché parliamo di un mouse estremamente leggero e di piccole dimensioni dà il meglio di sé con portatili e notebook dotati di tecnologia bluetooth, rivelandosi facile da portare con sé mentre si è in giro per lavoro.

Per il funzionamento necessita di una batteria AA, inclusa nella confezione per poter iniziare a utilizzarlo immediatamente. La durata è di circa 30 giorni con utilizzo quotidiano non superiore alle 6 ore. Il rapporto qualità/prezzo è decisamente soddisfacente anche se dovrebbe essere preso in considerazione solo per usi semplici, data la presenza di soli tre tasti.

Acquista su Amazon.it (€18,99)

 

 

 

Mouse Apple

 

Apple Magic Mouse 2

 

Qualora i prodotti elencati finora non vi convincano, data la scarsa compatibilità con i sistemi operativi dell’azienda di Cupertino, potrebbe essere una buona idea optare per un mouse Apple. Oltre ad “andare d’accordo” con OS X 10 o successivi è un dispositivo dal design estremamente curato, minimalista come ci si aspetterebbe dallo stile inconfondibile dell’azienda.

La superficie non presenta dei pulsanti chiaramente individuabili come nella maggior parte dei mouse ma è costituita da uno strato multi-touch, proprio come se steste usando uno smartphone o un tablet, rendendo naturali e immediati gesti come sfogliare le pagine internet o scorrere documenti.

Un po’ meno entusiasmante è invece l’ergonomia, gli utenti riferiscono infatti che, data la forma piatta, affatica facilmente la mano anche se usato per sessioni molto brevi. La fragilità è il secondo elemento che non convince i consumatori, i quali consigliano di prestare molta attenzione per evitare di graffiare la parte superiore.

Acquista su Amazon.it (€74,99)

 

 

 

Apple MB112

 

MB112 è invece un mouse Apple molto più classico, dotato di cavo per il collegamento USB, compatibile sia con computer Mac dotati di sistema operativo Mac OS X 10.4.8 o successivo, sia per sistemi basati su Windows.

Tra i dettagli più interessanti vi è la possibilità di utilizzo anche da parte di mancini, un elemento importante che non obbliga questi utenti ad acquistare prodotti realizzati ad hoc.

Il cavo, secondo alcuni consumatori, è un po’ troppo rigido e potrebbe dare fastidio se lo si utilizza in ambienti ristretti, un piccolo inconveniente da prendere in considerazione ma che non pregiudica la bontà e l’efficienza del prodotto.

Come tutti i prodotti Apple, inoltre, ha un costo elevato, l’acquisto dovrebbe dunque essere valutato solo da utenti che non hanno limiti di budget e non amano i prodotti di terze parti poiché costruiti con materiali meno resistenti. Per scoprire dove acquistare MB112 non dovrete far altro che cliccare sul link sottostante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Mouse ergonomico

 

AmazonBasics GP7-BK

 

Chi fosse alla ricerca di un mouse ergonomico per far sì che il polso e la mano non siano continuamente stressati ma possano adagiarsi sul dispositivo al meglio, una valida scelta potrebbe essere GP7-BK di AmazonBasics. Anche in questo caso parliamo di un mouse wireless, azionato da una batteria AA inclusa nella confezione. Il prodotto è compatibile con i sistemi operativi Windows 7, 8 e 10, ovvero la maggior parte dei OS in circolazione oggigiorno.

Se non amate il classico colore nero e preferite un mouse più originale, potrete scegliere tra altre quattro varianti cromatiche: grigio, blu, rosso e viola.

Il sensore laser di cui è dotato ha un valore DPI fisso, 1.600, non si rivela quindi adatto per i videogiocatori che necessitano di una maggiore velocità di puntamento, offre tuttavia uno scorrimento omogeneo su tutte le superfici piane, incluso il vetro.

Unico dettagli negativo sottolineato da qualche utente è la scelta dei materiali, molto economici e poco resistenti.

Acquista su Amazon.it (€9,04)

 

 

 

Logitech MX

 

Nella categoria mouse ergonomico rientra ampiamente anche il prodotto di Logitech, MX è infatti un mouse verticale utilizzabile sia tramite cavo sia in modalità wireless, per garantire il massimo comfort di utilizzo. La posizione della mano e dell’avambraccio sono molto importanti ed è stato calcolato che con un prodotto a struttura verticale si può ridurre l’attività muscolare del 10% rispetto a un mouse standard, con minore possibilità di infiammazioni del tunnel carpale. Il tracciamento ottico fino a 4.000 DPI si rivela preciso e affidabile sebbene non sia indicato per i videogiocatori.

Se dal punto di vista costruttivo si rivela solido e ben progettato, gli acquirenti hanno riscontrato alcuni limiti come lo scroll, per esempio, che non è possibile impostare con funzione continua ma solo a micro scatti.

La serie MX di Logitech ha un costo elevato, maggiore rispetto alla media della concorrenza, pertanto dovrebbe essere preso in considerazione solo da chi sta cercando appositamente un mouse verticale per problemi al polso e all’avambraccio.

Acquista su Amazon.it (€79)

 

 

 

Mouse senza fili

 

AmazonBasics MGR0975

 

Il mouse senza fili proposto da AmazonBasics, MGR0975, è un prodotto pensato per essere portato sempre con sé, leggero e dalle dimensioni contenute in modo da non occupare troppo spazio all’interno di una borsa o uno zaino. Nella confezione è presente un micro-ricevitore da inserire nella porta USB del PC o, quando non in uso, all’interno del mouse, per evitare così di perderlo accidentalmente.

La compatibilità con Windows va dalla più datata versione di Windows 2000 passando per XP, Vista, 7 e 8. Si tratta di un prodotto molto basilare, con tre pulsanti e LED che indica lo stato di carica della batteria, cambiando colore non appena arriva il momento di sostituire le pile.

È un mouse Wi-Fi per chi non ha particolari esigenze e vuole semplicemente un dispositivo da utilizzare per la navigazione quotidiana, per visualizzare le proprie e-mail e svolgere attività semplici su internet. I materiali di costruzione sono soddisfacenti ed è sufficientemente robusto da resistere a qualche urto.

Acquista su Amazon.it (€10)

 

 

 

Nulaxy NY-01018-BK

 

Per gli utenti che vogliono spendere meno possibile, il mouse senza fili di Nulaxy potrebbe rivelarsi la scelta ideale. Si rivela compatibile non solo con Windows ma anche con Macbook, una notizia che alcuni utenti Apple hanno accolto positivamente poiché permette loro di avere una soluzione a basso costo senza dover necessariamente puntare a mouse proprietari dal costo proibitivo.

Dopo un periodo di inattività il dispositivo entra in modalità standby per il risparmio energetico, evitando che la batteria AA si scarichi velocemente. Per quanto riguarda l’aspetto estetico è molto elegante e semplice, con una finitura nera e un design affusolato che lo rende poco ingombrante. Anche per quanto riguarda il peso, 99 grammi, riesce a soddisfare l’utenza che lo consiglia qualora abbiate esigenza di portarlo sempre con voi.

L’unico fattore che non convince del tutto è però la sua resistenza poiché le plastiche utilizzate non sono della migliore qualità.

Acquista su Amazon.it (€9,79)

 

 

 

Razer mouse

 

Razer DeathAdder

 

Death Adder è un Razer mouse aggressivo e dalle linee ergonomiche per i videogiocatori che necessitano di precisione e velocità grazie alla possibilità di impostare un valore massimo di DPI pari a 16.000 con vero tracciamento a 450 pollici al secondo. Non può mancare in un prodotto high-end la qualità costruttiva con tasti meccanici ottimizzati per il gioco e una rotellina tattile che permette di capire immediatamente quanti scroll si stanno effettuando.

Gli utenti che hanno avuto modo di provarlo sostengono che non si tratta unicamente di un mouse da gaming ma può adattarsi facilmente anche all’ambito lavorativo grazie ai numerosi tasti che possono fungere da scorciatoia impostando delle macro, molto utili anche per editing fotografico.

Non è adatto invece per gli utenti che prediligono una presa “claw grip” o “fingertip grip” ma solo e unicamente per chi la “palm grip”, ovvero con il palmo e le dita completamente adagiati su tutto il mouse.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Mouse Microsoft

 

Microsoft N5-00003

 

Il mouse Microsoft N5-00003 ha un design moderno ultra leggero ed elegante, che ben si adatta ad ambienti lavorativi professionali dove non è richiesto un dispositivo eccessivamente complicato o ricco di tasti. Il prodotto infatti può essere definito persino minimalista, privo di cavi e funzionante tramite Bluetooth 4.0, è progettato inoltre per poter essere utilizzato con entrambe le mani.

Gli utenti che l’hanno acquistato riportano una notevole silenziosità e la sua semplicità di trasporto data dalla leggerezza e compattezza. L’unico problema riscontrato è quando entra in modalità standby dopo circa un minuto di inutilizzo. Gli acquirenti riferiscono che il prodotto va in una sorta di ibernazione e ci mette qualche secondo prima di ripartire, un dettaglio snervante per chi utilizza il mouse per brevi intervalli.

La durata delle batterie, invece, data questa estrema attenzione per il risparmio energetico, è decisamente elevata e secondo i test effettuati dovrete cambiare le due pile AA circa quattro volte in un anno.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Mouse ottico

 

Dland Zelota

 

L’ultimo prodotto della nostra lista è un mouse ottico proposto da Dland e battezzato Zelota. Il dispositivo in questione ha un design aggressivo, tipico dei mouse per gamer che gradiscono la presenza di LED e dettagli squadrati.

Il costo, nonostante si tratti di un prodotto per videogiocatori, è decisamente contenuto, rivelandosi un’ottima scelta per chi ha un budget limitato. È possibile selezionare un valore intermedio che va da 1.000 a 7.200 DPI, non elevatissimo ma comunque soddisfacente per chi non ha ancora molta esperienza ma vuole comunque compiere un passo in avanti rispetto ai mouse più comuni.

Gli acquirenti affermano che il prodotto è decisamente ingombrante e avrete bisogno di tutta la mano per usarlo al meglio, indicato quindi solo per utenti con “palm grip”. Se prediligete una presa ad artiglio o sfruttate solo la punta delle dita, potrebbe non essere il mouse adatto alle vostre esigenze.

Acquista su Amazon.it (€12,99)

 

 

 

Guida per comprare un buon mouse

 

Se non sapete come scegliere un buon mouse poiché non sapete quali siano i fattori principali da prendere in considerazione o semplicemente siete spiazzati dalla quantità di dispositivi in vendita, vi invitiamo a non disperare e leggere con attenzione i nostri consigli per capire quale possa essere il mouse più adatto alle vostre esigenze.

Spesso ci si lascia influenzare dalla notorietà del brand per acquistare un prodotto e ciò vale anche per i mouse in vendita sul mercato. Tra le migliori marche spiccano sicuramente Logitech, Razer, Microsoft o Trust. Tuttavia vi consigliamo di abbandonare tale concezione poiché è possibile trovare prezzi bassi e prodotti di qualità anche in brand minori che, sebbene non abbiano l’esperienza di altri colossi, riescono a proporre alternative soddisfacenti.

Vediamo dunque insieme quali sono i fattori principali nella scelta del miglior mouse.

 

 

Tipologie

Le tipologie di mouse oggigiorno sono numerose ed è possibile trovare un prodotto adatto a ogni tipologia di utente. Ciò è divenuto possibile poiché i computer sono ormai indispensabili e presenti in ogni casa. Non troverete dunque più sul mercato i preistorici mouse trackball, con quella piccola sfera posizionata nella parte inferiore che andava pulita di tanto in tanto per mantenere le performance ma puntatori ottici e laser altamente performanti.

Questo non vuol dire che le alternative a buon mercato siano scomparse ma semplicemente hanno cambiato forma. Chi preferisce infatti spendere cifre contenute per un mouse può ancora contare su prodotti economici che hanno una quantità di tasti limitata e non permettono impostazioni personalizzate tramite software.

 

Gaming

I mouse per il gaming rientrano in un universo che potremmo definire completamente a parte poiché devono possedere caratteristiche ben precise per adattarsi alle esigenze dei videogiocatori. Il modo migliore per scegliere uno di questi mouse è capire innanzitutto che tipo di presa si ha: palm grip, con la mano e le dita completamente adagiati sul mouse; claw grip con indice e dito medio ad arco come se fossero degli artigli; fingertip grip, ovvero con le dita leggermente rialzate mentre solo la punta tocca i pulsanti del mouse.

Per capire la vostra presa non dovrete far altro che assumere una posizione naturale mentre siete al PC, in questo modo la individuerete immediatamente.

La quantità di tasti è un altro fattore da considerare. Sia per chi gioca FPS sia per chi preferisce RTS, tale caratteristica può fare la differenza poiché tramite appositi software, proprietari o meno, potrete impostare delle macro, ovvero una combinazione di tasti che potranno essere attivate con la semplice pressione di un pulsante sul mouse.

 

DPI

Con la dicitura DPI ci si riferisce ai dots per inch, ovvero la sensibilità alla quale si muove il puntatore del mouse. Maggiore sarà il valore e più veloce si sposterà il cursore a ogni vostro movimento. Tale valore è solitamente fisso per i mouse di fascia bassa ma può essere modificato a piacimento man mano che ci si sposta su prodotti più costosi e performanti. Un buon valore medio per utilizzi quotidiani è intorno ai 1.600 DPI mentre i videogiocatori potrebbero preferire qualcosa di più reattivo, non a caso, infatti, i prodotti pensati per il gaming permettono di selezionare un valore fino a 16.000 DPI.

 

 

Ergonomia

Non bisogna dimenticare la comodità di utilizzo. Sarebbe infatti inutile comprare un prodotto costoso se poi si rivela inadatto alle proprie esigenze e non riusciate a utilizzarlo per periodi di tempo che non superano un paio d’ore. Sia chi deve lavorare sia chi vuole semplicemente giocare, svolge attività per un periodo di tempo prolungato e deve quindi poter appoggiare la mano in modo da non creare frizioni, attriti o tensioni che potrebbero causare delle infiammazioni. Molto nota è la sindrome del tunnel carpale, zona del polso dove si intrecciano nove tendini e il nervo mediano. I continui spostamenti e rotazioni a cui sottoponiamo l’articolazione potrebbero generare infiammazioni dolorose che nei casi più gravi richiedono un intervento chirurgico.

Una buona soluzione per chi soffre di tale disturbo è optare per dei mouse verticali, costruiti appositamente per evitare tale disturbo. Naturalmente richiedono un po’ di pratica e sono molto diversi rispetto ai classici mouse, tuttavia risultano molto popolari soprattutto per chi lavora con programmi di editing fotografico.

 

 

 

Domande frequenti

 

Chi ha inventato il mouse?

Il mouse è un dispositivo elettronico che oggi diamo per scontato, tuttavia il mondo dei computer non sarebbe stato lo stesso senza l’apporto innovativo di questo strumento inventato nel lontano 1963 dall’ingegnere statunitense Douglas Engelbart, con lo scopo di semplificare la ricerca scientifica dei suoi colleghi.

 

Come collegare un mouse Trust wireless?

La procedura di collegamento di qualsiasi mouse wireless è descritta in dettaglio nella sezione successiva a cui vi rimandiamo per risolvere il vostro quesito.

 

Cosa fare quando il mouse si blocca?

Se il mouse si blocca potrebbe non essere necessariamente un guasto del dispositivo di puntamento ma un problema del computer che è andato in crash o freeze, situazioni comuni in seguito alle quali basta un semplice riavvio per risolvere il problema. Qualora si presenti tale evenienza verificate che non sia il computer ad avere problemi, premendo tasti come “Win” o la combinazione Ctrl+Alt+Canc per avere una risposta di qualche tipo dal PC. In caso contrario effettuate un riavvio forzato del sistema.

 

Cosa fare se il mouse non funziona?

Se il vostro mouse ha smesso di funzionare di punto in bianco potrebbero esserci varie ragioni, da un semplice conflitto software a una rottura dal punto di vista hardware. Per scongiurare problemi di natura minore vi consigliamo di scollegarlo, riavviare il computer e collegarlo di nuovo. Qualora il problema persista potrebbe trattarsi di una rottura hardware in seguito alla quale, piuttosto che provvedere a una riparazione, potrebbe essere più conveniente acquistare un nuovo prodotto.

 

Cosa fare quando il mouse va a scatti?

Quando il mouse va a scatti, la colpa non è necessariamente imputabile al dispositivo ma si tratta di una incapacità del sistema, il computer in questo caso, di elaborare velocemente i dati che riceve poiché la memoria RAM o il disco rigido potrebbero essere sotto sforzo. Per risolvere il problema chiudete i programmi aperti o semplicemente liberate spazio sul vostro hard disk.

 

Quanto costa il mouse della Apple?

I mouse Apple, come tutti i prodotti dell’azienda di Cupertino, hanno un design curato e materiali di qualità, pertanto il loro costo è superiore alla media. Difficilmente quindi riuscirete a trovarne uno a buon mercato a meno che non optiate per il mercato dell’usato.

 

Come aprire il mouse Apple?

Per aprire un mouse Apple, scollegatelo ed estraete le batterie dal vano inferiore. Successivamente, facendo attenzione, inserite il pollice nel vano batterie e con le unghie delle dita cercate di applicare uno spessore tra le plastiche per rimuoverle senza danneggiarle. Così facendo sarà molto più semplice staccare l’intero vano batterie ed eseguire le riparazioni necessarie.

 

Come sbloccare il mouse portatile HP?

Per capire come sbloccare mouse del vostro portatile HP bisogna cercare il LED che si trova nei pressi del touchpad. Si tratta di un indicatore di funzionalità che, in caso sia blu o arancione, indica il blocco del sistema di puntamento, mentre, se spento, indica la capacità di utilizzarlo.

Per attivarlo o disattivarlo non dovrete far altro che esercitare una pressione con le dita.

 

 

 

Come utilizzare un mouse

 

Utilizzare un mouse non è un’operazione complicata e spesso, trattandosi di dispositivi Plug & Play, tutto ciò che dovrete fare è collegarli al vostro PC o console per poter immediatamente utilizzarli. Tuttavia in alcuni casi potrebbero esserci dei passaggi specifici da seguire.

 

 

Come collegare un mouse wireless

I mouse wireless utilizzano diverse tecnologie per poter inviare il segnale al computer. La tecnologia più economica oggi disponibile è tramite l’invio di un segnale a infrarossi che deve essere captato da un ricevitore. Questi sono sempre inclusi nella confezione e necessitano di una porta USB a cui essere collegati. Il primo passo è quindi quello di inserire tale componente in una delle porte libere del vostro PC. Successivamente inserite le pile AA nel vostro mouse e premete il pulsante di accensione, in questo modo potrete iniziare a usare il vostro nuovo dispositivo.

 

Collegare un mouse wireless senza ricevitore

Un mouse privo di ricevitore, solitamente sfrutta una connessione Bluetooth. Per poter collegare questo dispositivo dovrete quindi necessariamente avere un notebook dotato di tale tecnologia o un PC desktop con dongle wireless. Prima di accendere il mouse ricordate di andare nelle impostazioni del PC, dunque, e attivate la ricerca di dispositivi bluetooth, solo in seguito potrete accendere il mouse e seguire le indicazioni a schermo per effettuare il pairing.

 

Come collegare mouse e tastiera alla PS4

Per gli utenti che vogliono invece utilizzare mouse e tastiera sulla propria Playstation 4, il metodo di connessione è molto semplice poiché la console ha nella parte frontale due porte USB in cui inserire le proprie periferiche. Ciò non vuol dire però che potrete utilizzarle con qualsiasi gioco dal momento che il produttore deve rendere possibile tale sistema di controllo.

 

Come collegare mouse e tastiera su Xbox One

Chi possiede una Xbox One e vuole usare mouse e tastiera può contare sull’ultimo aggiornamento della console Microsoft per estendere il supporto di tali periferiche a svariati giochi, principalmente FPS e TPS. Il collegamento è intuitivo e dovrete semplicemente inserire gli appositi cavi o ricevitori negli slot USB della console. Prima però, assicuratevi di aver effettuato l’aggiornamento nella sezione apposita che trovate sotto la voce “Sistema” nella home di Xbox One.

 

 

Come attivare il mouse sulla tastiera

Qualora il vostro mouse sia rotto e abbiate bisogno di una soluzione d’emergenza, è possibile contare sulla tastiera per svolgere la funzione tipica del puntatore. Per attivare tale modalità dovrete recarvi nel Pannello di Controllo, selezionando Accessibilità e poi Modifica funzionamento del mouse. Qualora non riusciate a raggiungere la destinazione potete premere la seguente combinazione di tasti: Alt+Shift sinistro+Num Lock.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...