I 5 Migliori Mouse Wireless del 2023

Ultimo aggiornamento: 09.02.23

 

Mouse Wireless – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Vi anticipiamo subito quali sono i due mouse wireless più apprezzati online, a cominciare da Inphic PM6BT che offre un elevato livello di precisione e la possibilità di lavorare contemporaneamente su tre dispositivi, sfruttando la connessione Bluetooth 5.0 con una distanza di lavoro fino a dieci metri.

L’HP X4500 si presenta con un design ergonomico che segue la curva naturale della mano per migliorare l’esperienza tattile e mantenere alta la produttività in qualsiasi contesto d’uso.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior mouse wireless?

 

Il mouse è un compagno inseparabile delle tue giornate davanti al computer? Allora probabilmente è meglio acquistare un modello che garantisca comfort e immediatezza d’uso.

In quest’ottica, dunque, va vista la nostra guida nella quale entriamo nel dettaglio degli elementi da considerare per scegliere la giusta periferica da affiancare al tuo PC.

Uno studio di design

L’evoluzione tecnologica ha permesso, come in numerosi altri ambiti tecnologici, di eliminare il filo al mouse, così da rendere più agevole il suo utilizzo. Dando per scontata, dunque, la libertà di movimento di un modello wireless, vediamo quali sono le altre caratteristiche di cui tenere conto, al di là della discriminante rappresentata dal confronto tra i prezzi dei vari modelli in vendita sul mercato.

A nostro giudizio, al vertice della classifica degli aspetti da valutare, si collocano forma e peso. I mouse, infatti, possono avere davvero design di ogni tipo, studiati per assicurare una presa salda e confortevole. La forma più comune è quella detta palm grip, nella quale il palmo è poggiato completamente sulla superficie, ma ci sono anche modelli claw grip, che prevedono che sul mouse siano poggiate solo tre dita, e quelli fingertip grip, in cui i movimenti del dispositivo sono deputati alla punta delle dita, senza che il palmo della mano li tocchi.

A queste categorie si affiancano poi i modelli ergonomici, che vantano forme quasi futuristiche ma che, in realtà, sono attentamente studiati per favorirne la presa ed evitare ogni tipo di stress alle articolazioni del polso.

 

Pesante o leggero?

Tra i modelli proposti dalle migliori marche è possibile trovare mouse wireless di ogni forma e peso e quest’ultimo aspetto non è affatto da trascurare, perché impatta in modo determinante sulla comodità d’uso.

Un mouse leggero, tipicamente, garantisce movimenti rapidi e non affatica la mano anche dopo diverse ore di utilizzo ma, di contro, la precisione può venire meno e obbligare a qualche correzione di troppo per raggiungere il punto desiderato sullo schermo. I modelli più pesanti offrono un livello di precisione superiore ma l’insita lentezza data dai maggiori ingombri e da qualche decina di grammi in più hanno come conseguenza un superiore affaticamento della mano e del polso.

Le dimensioni impattano anche sul numero di tasti integrati, che variano da un minimo di due a un massimo di cinque, con le eccezioni rappresentate dai mouse da gaming che ne hanno molti di più, perché personalizzabili a seconda del videogame a cui stai giocando, e anche il prezzo è più alto.

Il tipo di connessione

La capacità di fare a meno del filo per dialogare con il computer è la caratteristica fondamentale di un mouse per potersi definire wireless. Sul mercato è possibile trovare modelli che sfruttano il Bluetooth e altri che utilizzano una connessione RF. Ti consigliamo di leggere con attenzione le recensioni e le schede tecniche per capire che tipo di tecnologia è adottata dal dispositivo che pensi di acquistare.

I mouse RF sono a radio frequenza e per funzionare obbligano a inserire un dongle USB in una delle porte del computer, così da creare la connettività necessaria a stabilire il dialogo wireless. Hanno il vantaggio di poter funzionare con qualunque computer, anche non recentissimo, ma la chiavetta rende praticamente inutilizzabile un ingresso USB.

I modelli Bluetooth non necessitano di alcun dongle ma sono in grado di dialogare esclusivamente con PC e Mac che siano dotati di questo tipo di connettività e hanno un’autonomia inferiore agli altri.

 

I 5 Migliori Mouse Wireless – Classifica 2023

 

La diffusione degli schermi touchscreen ha modificato il nostro modo di interagire con i dispositivi elettronici. Se questo discorso vale senza dubbio per smartphone e tablet, per quello che riguarda i personal computer siamo ancora dipendenti dal mouse e, spesso per lavoro, lo utilizziamo tutti i giorni per molte ore. Diventa indispensabile, dunque, sceglierne un modello che funzioni al meglio, in grado di dialogare con il computer senza l’impaccio dei fili e capace di assicurare una buona autonomia. Qui di seguito trovate quelli che, secondo noi, sono i migliori mouse wireless del 2023.

 

 

Mouse gaming wireless

 

1. Inphic Mouse Wireless Bluetooth Ricaricabile PM6BT

 

Il mouse wireless Inphic PM6BT è uno dei più venduti online perché caratterizzato da un ottimo rapporto qualità/prezzo, come si può vedere cliccando sul link in basso che rimanda allo store online dove acquistare il modello a un costo molto conveniente.

Una delle sue migliori caratteristiche è la possibilità di collegarlo a tre diversi dispositivi contemporaneamente e passare facilmente da uno all’altro senza doverlo continuamente associare.

Compatibile con tutti i sistemi operativi Android, Linux, Windows e MacOS (anche se con quest’ultimo sono stati riscontrati problemi di funzionamento dei tasti laterali + e -), vanta una connessione wireless a 2,4 GHz molto stabile e veloce, con tanto di batteria da 700 mAh che offre un’autonomia di circa due mesi e la possibilità di ricaricarla tramite il cavo USB incluso nella dotazione.

Inoltre, si può collegare al computer sia tramite connettività Bluetooth 5.0 sia in modalità cablata per ridurre al minimo i rischi di lag o disconnessione durante l’utilizzo.

 

Pro

Economico: Qualità e prezzi bassi per il nuovo mouse wireless Inphic PM6BT, compatibile con diversi sistemi operativi e dotato di sensore ottico con tre livelli di DPI regolabili da 800 a 1.600 in base alle esigenze.

Autonomia: La batteria da 700 mAh garantisce fino a sessanta giorni di utilizzo continuativo, con la possibilità di usarlo in modalità cablata collegando il cavo USB fornito in dotazione.

Risparmio energetico: Dopo cinque minuti di inattività entra automaticamente in stand-by per risparmiare energia, riattivandosi con un semplice movimento o la pressione di un qualsiasi tasto.

 

Contro

Poco scorrevole: Diversi acquirenti hanno lamentato una scarsa scorrevolezza della periferica sulle superfici ruvide e irregolari.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Mouse HP wireless

 

2. HP – PC Mouse Wireless X4500 Laser fino a 1600 CPI

 

Se siete interessati all’acquisto del migliore mouse wireless in offerta, il colosso statunitense dell’informatica HP oggi ci propone il modello X4500 a un prezzo scontato che permette di risparmiare sulla spesa ma non sulla resa.

Come tutti i dispositivi a marchio HP, spicca per il design avveniristico ed ergonomico studiato per favorire una presa confortevole ed evitare ogni tipo di stress alle articolazioni del polso.

Non ha il Bluetooth, ma utilizza un ricevitore USB che garantisce una connessione istantanea con un raggio d’azione fino a otto metri e la possibilità di poterlo stipare nel pratico vano posizionato sotto la periferica per evitare di perderlo.

È alimentato da due batteria usa e getta di tipo AA che, con un utilizzo giornaliero di circa dieci ore, assicurano una durata di circa sei mesi. Pareri positivi anche in merito alla solidità dei materiali utilizzati per la sua realizzazione che, di contro, lo rendono un filo più pesante rispetto ad altri mouse wireless venduti online.

 

Pro

Regolabile: Tramite l’apposito selettore è possibile regolare la sensibilità e la velocità del cursore in base alle proprie esigenze.

Vano plug-in: Il piccolo dongle USB si può comodamente riporre nel pratico vano posto di fianco a quello delle batterie per averlo sempre a portata di mano ed evitare di perderlo.

Rapporto qualità/prezzo: Alla buona qualità dei materiali di costruzione si abbina un prezzo molto conveniente che permette di risparmiare sull’acquisto di un mouse efficiente e dalle ottime prestazioni.

 

Contro

Peso: Utilizza due batterie AA usa e getta che lo rendono leggermente più pesante rispetto alla media.

 

 

 

 

Mouse wireless Logitech

 

3. Logitech Mouse Wireless M190 Design Ricurvo Ambidestro

 

Un’altra soluzione molto interessante per chi non sa quale mouse wireless comprare è sicuramente il Logitech M185 che, in comparazione con altri modelli simili disponibili online, viene proposto a un prezzo più abbordabile che lo rende ideale per quanti hanno un budget limitato ma non vogliono rinunciare a prestazioni di un certo livello.

Ergonomicamente parlando, è un prodotto ben progettato che offre efficienza e comodità d’uso per lunghi periodi di utilizzo grazie al design sagomato che sostiene la mano e il polso per ridurre al minimo l’affaticamento.

È alimentato da una batteria AA (inclusa nella dotazione) capace di garantire un’autonomia fino a 18 mesi e, quando la periferica non è in uso, si attiva la modalità automatica di risparmio energetico per preservarne la durata.

Per quanto riguarda la connettività, nessuno degli utenti ha riscontrato problemi di connessione o latenza, mentre le uniche lamentele riguardano i materiali plastici scelti per la sua costruzione, che a quanto pare non si sono rivelati all’altezza delle aspettative.

 

Pro

Design: Rispetto alle versioni precedenti, vanta un design sagomato che segue la curva naturale delle mani, adattandosi anche a quelle di medie e grandi dimensioni.

Precisione: Il valore DPI può essere settato da un minimo di 400 fino a un massimo di 1.000, con un range di variabilità che è stato ampiamente apprezzato da quanti necessitano di una certa precisione.

Copertura: Una volta collegato il ricevitore USB, la periferica consente un controllo a distanza che copre un buon margine di campo, con un raggio d’azione massimo di 10 metri.

 

Contro

Materiali: Le prestazioni sono di ottimo livello, peccato però che lo stesso non si possa dire dei materiali di costruzione: c’è tanta plastica e nemmeno della migliore qualità.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Mouse wireless Razer

 

4. Razer Deathadder V2 X Hyperspeed Mouse da Gaming Wireless

 

Pur non essendo il modello più economico della nostra guida su come scegliere un buon mouse wireless, il Razer Deathadder V2 X Hyperspeed sbaraglia la concorrenza grazie al suo design appositamente progettato per i giocatori competitivi che necessitano di un’elevata velocità di tracciamento e una batteria di lunga durata (fino a 450 ore).

Con questo modello la multinazionale singaporiana completa la gamma di mouse gaming wireless, assicurando una bassa latenza nonché una presa più salda e confortevole.

Si può connettere al computer sia tramite Bluetooth sia via Wi-Fi a 2.4 Ghz, e dispone di sei pulsanti facilmente programmabili tramite il driver Synapse 3.0, con l’ulteriore possibilità di invertire i tasti destro e sinistro in modo da consentirne l’utilizzo anche ai mancini.

Inoltre, è dotato di un sensore ottico da 16.000 DPI capace di supportare spostamenti di 400 pollici al secondo per garantire un gioco ad alta velocità con accelerazioni fino a 40G.

 

Pro

Performante: Il mouse è dotato di sensore ottico Razer 5G Advanced che offre fino a 16.000 DPI e un tracking in velocità fino a 450 IPS per migliorare le performance di gioco a qualsiasi livello.

Leggero: Il design ergonomico e il peso di soli 82 grammi lo rende comodo da usare ma non così leggero da perdere il controllo durante le sessioni di gioco più concitate.

Personalizzazione: Grazie al software Synapse 3.0 è possibile rimappare i tasti del mouse e la frequenza di polling, salvando il tutto nella memoria integrata.

 

Contro

Software: Poco versatile, perché non permette di cambiare i DPI con i tastini sul mouse ma obbliga a farlo passando dal programma su computer.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Mouse Trust wireless

 

5. Trust Mouse Wireless Verticale Ricaricabile Bayo

 

I prodotti a marchio Trust si contraddistinguono per l’attenzione all’ergonomia unita a un prezzo molto conveniente. In particolare, il mouse Bayo che chiude i nostri consigli d’acquisto offre una maggiore libertà di movimento grazie al design verticale che riduce la tensione di braccio e polso a fronte di una presa più naturale e rilassata.

Inoltre, optando per la combo mouse e tastiera wireless, si potranno collegare i dispositivi usando lo stesso ricevitore USB, con una distanza di lavoro fino a dieci e un riconoscimento immediato della periferica collegata.

La sensibilità del cursore si può regolare da 800 a 2400 DPI, mentre la batteria ricaricabile integrata ha una durata di circa una settimana e fa affidamento su un indicatore a Led che indica quando è arrivato il momento di ricaricarla, con la possibilità di utilizzare il cavo USB-C incluso nella dotazione per continuare a lavorare mentre il dispositivo è in carica.

 

Pro

Ergonomia: Il design verticale del Trust Bayo favorisce una posizione più naturale della mano (sia ai mancini sia ai destrorsi), riducendo l’insorgenza del dolore al polso anche se si soffre di patologie tendinee o sindrome del tunnel carpale.

Autonomia: La batteria interna permette al mouse di funzionare ininterrottamente per una settimana e si può caricare collegando il cavo USB-C fornito in dotazione direttamente al computer per continuare a usare la periferica anche quando è scarica.

Precisione: I DPI offerti dal modello (da 800 a 2.400) si possono regolare a piacimento per ottenere la precisione che serve durante il lavoro al PC.

 

Contro

Rigidità tasti: I pulsanti, almeno inizialmente, risultano abbastanza rigidi e scomodi da premere, ma si tratta comunque di un problema che tende a risolversi spontaneamente con il tempo e l’uso.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un mouse wireless

 

Il mouse è il dispositivo di controllo per eccellenza. Collegato a un computer permette di muovere, proprio come se fosse un’estensione del corpo, una freccetta su schermo, garantendo un controllo assoluto difficile da eguagliare. Nel tempo solo il touchscreen si è dimostrato più comodo (anche se più impreciso) del mouse.

Mouse cablati

Ciò che limita fortemente questo dispositivo è però il cavo di collegamento, in alcuni casi sufficientemente lungo, in altri estremamente corto, risulta comunque un impedimento che la maggior parte degli utenti PC abolirebbe ben volentieri.

La possibilità è stata data grazie all’introduzione dei mouse wireless, un tempo molto più costosi ma oggi decisamente alla portata di tutti.

Invitiamo però tutti i potenziali acquirenti a chiedersi: perché ho bisogno di un mouse wireless?

Se non vi allontanate mai troppo dal computer o se avete una postazione confortevole, potrebbe essere una spesa superflua, pertanto vi consigliamo di adottare questi dispositivi solo se ne avete particolare esigenza lavorativa oppure la disposizione del vostro computer non vi permette di collegare agevolmente un mouse cablato.

 

Ricevitore

Il funzionamento dei mouse wireless è garantito da un ricevitore, solitamente bluetooth o infrarossi, collegato a una delle porte USB del vostro computer. Un piccolo svantaggio dal momento che per utilizzarlo dovrete occupare permanentemente una di queste preziose porte, rendendo difficile il collegamento di altri dispositivi utili, soprattutto se il vostro computer è datato e non possiede molti alloggiamenti USB.

Il ricevitore è essenziale per immagazzinare i dati del movimento del mouse, rispedendoli immediatamente su schermo.

 

Scoprire la propria “presa”

Prima di procedere all’acquisto dovrete inoltre valutare la vostra presa sul mouse. Ne esistono sostanzialmente tre tipi: palm, claw e fingertip.

La prima consiste nell’appoggiare completamente il palmo e le dita sul mouse, in una sorta di posizione completamente rilassata. La seconda ha una presa a uncino con le dita arcuate e solo la parte posteriore del palmo che poggia sul mouse. Infine, la terza tipologia, prevede il movimento del mouse solo con la punta delle dita, senza appoggiare il palmo sul dorso del dispositivo.

Capire quali di queste posizioni adoperate maggiormente è fondamentale per scegliere l’ergonomia del mouse, soprattutto per chi investe molto tempo giocando su computer.

 

 

Per gamer

Molti mouse wireless sono infatti pensati per i gamer che non sono più limitati da un filo ma possono utilizzare il prodotto dove meglio credono, garantendo un comfort maggiore.

Non sottovalutate poi il peso. Analizzate bene la scheda tecnica per capire se potete gestire il peso del mouse rimuovendo o aggiungendo piccoli pesi all’interno di un apposito alloggiamento posizionato nella parte inferiore.

 

Installazione

Passando all’utilizzo vero e proprio, vi basterà estrarre dalla confezione mouse e ricevitore, assicurandovi di avere a disposizione batterie ricaricabili. Inserite le batterie nel mouse e poi agganciate il ricevitore allo slot USB prescelto. Se si tratta di un prodotto Plug&Play il ricevitore riconoscerà immediatamente il mouse e potrete iniziare a usarlo senza alcun problema.

Qualora fosse necessario il download di software e driver dal sito del produttore potrebbe essere necessario effettuare l’operazione preventivamente con un diverso mouse prima di poter utilizzare quello wireless.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI