Windows Update: gioie e dolori

Ultimo aggiornamento: 19.06.19

 

L’arrivo di Windows 10 non ha reso molti utenti particolarmente felici. D’altronde Windows 7 era un ottimo sistema operativo, stabile e soprattutto affidabile sia per i privati, sia per le aziende. Microsoft si era fatta perdonare gli errori commessi con Vista e il caro Windows 7 funzionava così bene da non far rimpiangere l’amata versione XP. Ma si sa che le software house devono lavorare, specialmente una ditta enorme come Microsoft, per questo i programmatori non possono certo girarsi i pollici e devono inventarsi sempre nuove versioni del sistema operativo.

Prima di arrivare a Windows 10, ci hanno provato con Windows 8, una specie di connubio tra il sistema operativo di un tablet e quello di un PC. Era stato pensato per inserire Microsoft nella battaglia dei tablet e degli smartphone nella quale ha definitivamente perso, schiacciata senza pietà dalla concorrenza rappresentata da Samsung e Apple.

E così Windows 8, dopo aver incontrato il disappunto e le proteste degli utenti è stato presto sostituito da Windows 10, l’unica versione che al momento sembra essere particolarmente stabile.

I possessori di Windows 7 hanno potuto aggiornare gratuitamente il sistema, sebbene si sono trovati di fronte ad un’interfaccia completamente rivisitata. Inoltre all’inizio ci sono state diverse lamentele sulla privacy, dato che all’installazione di questa nuova versione vengono richiesti diversi dati sensibili come la propria posizione.

Fortunatamente tutte queste opzioni sono facilmente aggirabili, ma questo non toglie che il passaggio dall’ottimo Windows 7 all’incerto Windows 10 è stato abbastanza difficile.

Con gli anni il sistema operativo è diventato sempre più stabile, grazie ai diversi aggiornamenti tramite la funzione Windows Update.

 

Semplificare gli aggiornamenti

Windows Update non è altro che il programma di gestione degli aggiornamenti di Windows, ma a differenza delle versioni precedenti del sistema operativo, si occupa anche di programmi, driver e altri aggiornamenti sensibili. Si tratta di una funzione molto comoda che permette di installare diverse periferiche e driver tramite il plug and play.

 

 

Come spesso accade però, non è tutto rose e fiori, specialmente per quanto riguarda l’hardware che ha bisogno di un suo particolare driver per il funzionamento. Inoltre uno dei problemi più gravi che l’azienda di Microsoft deve ancora affrontare è quello degli aggiornamenti completi di Windows 10 nelle versioni più recenti. Ultimamente l’ultimo grande update alla versione 1809 di ottobre 2018.

Al primo rilascio, questo update ha praticamente causato l’eliminazione di alcuni file su diversi PC, cosa che ha fatto infuriare non poco gli utenti. Microsoft ha quindi deciso di lasciarlo come update facoltativo, scaricabile dal loro sito tramite un programma specifico, in modo da limitare i danni.

Molti utenti hanno scaricato l’aggiornamento a loro rischio e pericolo, specialmente i gamer in possesso di nuove schede grafiche Nvidia come la 2070 o la 2080 che supportano nuove tecnologie come il Ray Tracing e il DLSS. Queste funzioni possono essere abilitate in alcuni videogiochi di ultima generazione solo installando la versione 1809.

 

Non tutte rose e fiori

Diversi problemi sono stati riscontrati anche per i migliori scanner e stampanti, infatti sembra che in caso di problemi di connessione del Windows Update, il sistema operativo userà automaticamente un driver Mopria. Il Mopria è un driver generico compatibile con tantissime stampanti e scanner prodotti da diverse marche importanti sul mercato come Canon, HP, Samsung e Xerox.

Il problema è che sebbene questi nuovi driver siano stati studiati per una maggiore intercompatibilità tra i vari dispositivi, non tutti li supportano. Windows Update però concluderà comunque la loro installazione, rendendo spesso alcuni dispositivi inutilizzabili o limitandone alcune funzioni.

Per gli utenti singoli, questo comporta una ricerca del dispositivo malfunzionante dalla sezione ‘gestione dispositivi’ del pannello di controllo, dalla quale dovranno disinstallare il driver malfunzionante e installare manualmente quello corretto. Per le aziende invece il problema è più evidente, dato che potrebbe rallentare il flusso di lavoro di un intero dipartimento.

 

Come fare

Se avete problemi a installare manualmente un driver e magari cercare anche un programma utile per lo scanner, basta seguire queste indicazioni:

Cliccate sul tasto start di Windows 10 e nella barra di ricerca digitate ‘gestione dispositivi’, selezionandolo con un click del mouse. Vi troverete in una finestra dove potrete vedere tutti i dispositivi installati. Cliccate sullo scanner o sulla stampante non installati e entrate nella scheda delle proprietà.

 

 

Da qui potrete scegliere di aggiornare automaticamente il driver. Nel caso Windows 10 continui a selezionare il Mopria, allora vi converrà scaricare il giusto driver dal sito ufficiale del produttore, stando attenti a selezionare quello appropriato per il vostro modello.

Un’altra comoda soluzione è quella di cercare il driver direttamente nel CD che trovate nella confezione della periferica. Nonostante l’arrivo di internet, alcune ditte preferiscono comunque mettere a disposizione un CD con i driver per gli utenti, proprio nel caso ci siano problemi con la connessione.

In questo caso non vi resta che inserire il CD e seguire il processo di installazione. Spesso all’interno si possono trovare anche dei comodi programmi per lo scanner o la stampante che ne aumentano le funzioni.

In alternativa si possono comunque trovare su internet degli ottimi software gratuiti e open source grazie ai quali sarà possibile selezionare il tipo di scansione, ritagliare l’immagine e addirittura scegliere il formato con il quale salvarle.

Tenete conto che la gestione dei dispositivi può essere utilizzata per moltissime periferiche e anche per diversi componenti hardware. Risulta molto utile nel caso qualche componente inizi a non funzionare correttamente e sia necessario reinstallare il driver da zero.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...