Razer Turret, tastiera e mouse per Xbox One

Ultimo aggiornamento: 13.09.19

 

Chi passa molto tempo a giocare al computer ed è ormai esperto nel campo, troverà interessante la nuova tastiera proposta da Razer.

 

Chi di voi gioca alla Xbox seduto comodamente sul divano invece che sulla scrivania? Con i supporti in commercio, però, stare comodi in una posizione del genere diventa difficile. Per questa ragione, a partire dal 2017, Microsoft e Razer hanno cominciato a lavorare a un progetto che si è concretizzato poi nel 2019.

 

La genesi

Se Age of Empires è uno dei giochi che preferite, sapete bene come sia ostico da svolgere se non si sta fermi alla scrivania. Un supporto mouse e tastiera per Xbox era allora d’obbligo per garantire il divertimento in qualsiasi luogo. All’inizio era solo Minecraft, nella versione Bedrock, a poter accettare questo binomio, per cui l’azione rimaneva limitata al suo esclusivo svolgimento.

Microsoft aveva già in mente un progetto più ampio a partire dal 2017, ma è stato solo l’anno successivo a vedere protagonisti Redmond e Razor nella creazione di Razer Turret, che non solo prevede una facilitazione per chi ama giocare sul divano ma contempla anche la compatibilità dell’illuminazione RGB Chroma nei giochi Xbox.

Grazie a questo sistema, dunque, la tastiera si illuminerebbe in funzione a ciò che accade durante il gioco e quindi, per esempio, potrebbe spegnersi quando un’abilità è cooldown.

 

 

Lo spoiler di Windows Central

Windows Central è entrato in possesso della presentazione del prodotto, che prevede delle linee guida pensate per gli sviluppatori dei giochi per Xbox: non si può rinunciare al gamepad ma le meccaniche di svolgimento possono contemplare anche l’impiego di mouse e tastiera.

Inoltre una console può supportare sia mouse, sia tastiera ma allo stesso tempo possono essere connessi più gamepad insieme. All’interno delle sessioni di gioco multiplayer ci sono delle regole per la gestione di mouse, gamepad e tastiera nello stesso momento.

Per esempio, i giocatori potranno creare delle playlist che li portino ad affrontare solo coloro che utilizzano i loro stessi strumenti, per cui chi usa mouse e tastiera si scontrerà con chi usa mouse e tastiera e così via.

Questo punto è ben delineato, proprio perché ci potrebbero essere squilibri tra chi gioca con il gamepad e chi usa invece l’altro metodo: per questo agli sviluppatori è consigliato di monitorare i comportamenti di gioco in base alle periferiche usate, così da modificare il gameplay per evitare disuguaglianze.

I mouse USB utilizzati per Windows 10, inoltre, devono essere funzionanti anche su Xbox, inclusi quelli che si collegano tramite dongle WiFi: ciò può accadere in quanto verrebbero usate le stesse API per il supporto mouse della UWP.

Microsoft ha inoltre in progetto la creazione di API che impediscano di imitare il gamepad usando mouse e tastiera, quindi un metodo in grado di aggirare le regole di matchmaking. Secondo la presentazione, infine, questo prodotto sarebbe stato disponibile a partire da Aprile del 2018 e in commercio a partire dall’autunno dello stesso anno.

 

La conferma a fine 2018

Alla fine del 2018 il progetto si è davvero concretizzato, con la creazione di Razer Turret for Xbox One, ovvero una combinazione di mouse e tastiera wireless proprio per questa console, disponibile però solo nel layout USA.

Il CEO e fondatore di Razer, Min-Liang Tan, si è detto orgoglioso del lavoro svolto in collaborazione con Microsoft, in quanto il nuovo prodotto garantisce un miglioramento dell’esperienza di gioco.

 

Razer Turret: cos’è

La Razer Turret per Xbox One è costituita da un unico dongle wireless che include mouse e tastiera e che utilizza una connessione su una banda da 2,4 GHz. La funzione ottenuta è proprio quella che si era progettata: il giocatore ha la possibilità di divertirsi stando comodamente seduto sul divano e quindi a una certa distanza dalla console.

Per quanto concerne la retroilluminazione, l’azienda mette a disposizione Razer Chroma nell’Xbox Dynamic Lighting: si è infatti collaborato con gli sviluppatori di giochi per fare in modo che si potesse utilizzare questa funzione. Per fare un esempio, con X-Morph-Defense e Vermintide 2 l’esperienza sarà alquanto nuova e particolare.

 

La tastiera

Questa tastiera offre switch meccanici per oltre 80 milioni di combinazioni e include un tasto Xbox che richiama la dashboard. Tra le varie funzioni aggiuntive troviamo la tecnologia anti-ghosting con 10-key rollover e la possibilità di memorizzazione macro dei pulsanti, che è però attiva unicamente con i giochi per PC.

Si tratta quindi di un modello meccanico, che garantisce grande precisione nel momento della pressione del tasto. Il peso è di circa 1860 grammi, alquanto leggero perché lo scopo deve essere proprio quello di poter essere tenuta comodamente sulle ginocchia.

 

Il mouse

Per quanto concerne invece il mouse, scorre sul tappetino magnetico che l’azienda ha stabilito di affiancare alla tastiera. Questo elemento, tuttavia, sembra avere qualche controindicazione, in quanto l’effetto calamita potrebbe creare attrito in alcuni casi, creando difficoltà durante la sessione di gioco.

Costruito sulla piega del Razer Mamba Wireless, ha un sensore avanzato 5G da ben 16 mila DPI e garantisce un’accelerazione di 450 pollici al secondo. Sono presenti inoltre ben sette pulsanti Hyperesponse che possono anche essere programmati.

Il mouse può essere riposto all’interno della tastiera per essere conservato oppure per effettuarne la ricarica. L’azienda ha inoltre progettato anche un poggiapolsi incorporato ed ergonomico, che può garantire di non affaticare la mano se si vuole giocare per un bel lasso di tempo. Una limitazione riguarda la navigazione, che non potrà essere effettuata tramite il mouse ma solo attraverso le frecce presenti sulla tastiera (i migliori modelli).

 

 

Collegamento e batteria

Entrambi gli elementi potranno essere collegati alla Xbox One attraverso una sola spina USB, mentre, per quanto concerne la ricarica, avverrà sempre attraverso USB. La tastiera prevede un’autonomia di 43 ore se non si utilizza l’illuminazione, caso in cui, invece, avrà una durata di 11 ore. Il mouse durerà 50 ore senza l’uso della luce, 30 in caso contrario.

Il costo di vendita sarà abbastanza alto: circa 259,99 dollari, una spesa prevista per la versione con il solo layout US, per cui dovremo aspettare ancora un po’ per conoscere costo della versione per il mercato europeo.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...