Quale futuro attende i tablet?

Ultimo aggiornamento: 14.09.19

 

Hanno rivoluzionato il mercato tecnologico insieme agli smartphone, ma sono ancora così ricercati? Scopriamo come diventeranno nei prossimi anni.

 

Sono già molti anni che i tablet sono sul mercato e continuano ad avere un grande successo, specialmente tra i più giovani che ormai si sono adattati allo stile di vita frenetico che la società odierna ci impone. Un recente studio infatti ha dimostrato che i tablet sono preferiti ai laptop o ai PC desktop vista la loro semplicità d’utilizzo e il loro design accattivante.

Le nuove generazioni abituate ad essere collegate alla rete anche quando sono fuori casa, cercano più volentieri un dispositivo portatile facilmente inseribile nella borsa o nello zaino. Inoltre il tablet può aiutare anche nello studio, ma sebbene in Italia ancora non lo si utilizzi, in Finlandia e Svezia è uno strumento didattico a disposizione di studenti e insegnanti già da diversi anni.

Per il mondo del lavoro il tablet è ideale dato che consente ai professionisti di mostrare i propri progetti o grafici ai clienti con facilità. Nel campo artistico ad esempio gli iPad sono molto apprezzati, soprattutto grazie ad app come Photoshop o quelle legate al mondo musicale che si possono poi interfacciare con il Mac per trasferire il lavoro svolto.

Anche l’intrattenimento è garantito, vista la potenza di calcolo raggiunta dai dispositivi più moderni che permettono di vedere film in alta risoluzione e divertirsi con videogiochi dalla grafica davvero stupefacente. Non è un caso che molti giochi ‘portable’ di successo vengono poi convertiti per PC e console.

 

Schermo e dimensioni: un connubio difficile

Uno dei traguardi raggiunti dalla tecnologia moderna degli ultimi decenni è stato quello di portare parte delle funzioni di un PC o Mac in dispositivi facilmente trasportabili in tasca o in borsa. La portabilità però spesso sacrifica la grandezza dello schermo, sempre più richiesta dai consumatori in quanto la fruizione di video online su Youtube e i vari Social Network è aumentata esponenzialmente. Allo stesso modo, uno schermo ampio su smartphone e tablet abbinato con una buona fotocamera consente anche di catturare immagini di alta qualità da condividere immediatamente con gli amici e i parenti.

Ma come fare a trovare il giusto connubio tra lo schermo ampio e la comodità? Samsung ad esempio ha progettato smartphone e tablet con lo schermo espanso ai lati del dispositivo, in grado di mostrare un’immagine ancora più ampia. Per i tablet invece sembra che la soluzione sia quella di produrre modelli di dimensioni ridotte, cercando però di mantenere una buona risoluzione grafica.

 

 

Un tablet pieghevole

Pur essendo un dispositivo molto moderno, si propone sul mercato con forme sempre più innovative, basta pensare ai nuovi modelli come il tablet da 10 pollici Lenovo o l’iPad Air che si presentano con delle dimensioni molto pratiche e performance elevate. Al momento LG e la sopra citata Lenovo sono al lavoro su un tablet con schermo ripiegabile. A pensarci sembra impossibile, ma in realtà sembra proprio questo il futuro non solo di tablet, ma anche degli smartphone. Non a caso Samsung e Microsoft hanno più volte annunciato l’imminente arrivo di prodotti con schermo pieghevole, una soluzione davvero all’avanguardia che permette di ridurre al minimo l’ingombro.

Al momento le informazioni disponibili hanno rivelato la grandezza dello schermo di 13 pollici che può essere ridotto a 8 o 9 pollici una volta piegato. Sembra che la forma del tablet si presti molto bene a questa innovazione, anche perché il fattore ‘ingombro’ è sempre stato un po’ il punto negativo del dispositivo se paragonato agli smartphone. Sulle specifiche tecniche si sa davvero poco, ma si suppone che all’inizio non saranno proprio strabilianti, visto che la maggior parte dei costi di produzione verranno indirizzati nella creazione della forma pieghevole.

Una volta sul mercato, le varie ditte dovranno analizzare l’effettivo interesse degli utenti che potrebbe variare soprattutto in base al rapporto qualità-prezzo.

Certo il pensiero di poter ‘piegare’ uno schermo e metterlo in borsa è abbastanza accattivante, ma quanto effettivamente può tornare utile? I vari esperti del settore al momento non si esprimono sull’attuale validità dell’invenzione e solamente il tempo potrà dire se questo sarà effettivamente il futuro o solo un altro modello che verrà comprato da pochi appassionati.

 

Realtà aumentata

Parlando in termini più avveniristici: quale può essere effettivamente il sostituto dello smartphone o del tablet? In molti pensano che sia la realtà aumentata, con la quale Google ha già stuzzicato la fantasia degli utenti presentando i Google Glass. Questi particolari occhiali con permettono di vedere le immagini direttamente dalle lenti che verranno utilizzate come degli schermi, proiettando davanti ai nostri occhi le immagini e l’interfaccia. Dopo aver fatto molto rumore, il progetto è tornato in silenzio, infatti al momento sono in vendita solo negli Stati Uniti ad una cifra abbastanza proibitiva.

 

 

L’interattività totale con la realtà virtuale nella vita di tutti i giorni è un concetto affascinante, ma anche un po’ spaventoso. Se ci pensiamo bene di questi tempi l’essere umano passa la maggior parte del suo tempo con gli occhi puntati sullo schermo del PC, dello smartphone o del televisore.

Con la realtà aumentata di dispositivi simili ai Google Glass non si dovrà mai staccare lo sguardo e rimanere sempre connessi e attivi. Ad esempio solo guardando un ristorante si potrà subito avere accesso a tutte le informazioni e le recensioni di Trip Advisor, oppure vedere il percorso del navigatore direttamente sulla strada proprio davanti a noi. Le possibilità sono molteplici, ma al momento sembra una tecnologia davvero troppo invasiva per poter essere proposta sul mercato in massa. Bisogna vedere se una volta abbassati i costi di produzione non ci sarà un altro tentativo di aumentare la nostra realtà.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...