Netgear EX7500 Nighthawk – Recensione

Ultimo aggiornamento: 26.09.21

 

Principale vantaggio

EX7500 Nighthawk è estremamente convincente, soprattutto se consideriamo la copertura dichiarata di 150 metri quadri e la quantità di dispositivi che è possibile collegare al ripetitore Netgear, ben 35. La velocità supportata, inoltre, consente lo streaming in 4K e persino il gioco online senza disconnessioni, lag o altri problemi derivanti da una scarsa connessione.

 

Principale svantaggio

Il prezzo non è dei più bassi, pertanto se avete un budget limitato o non avete esigenze particolari potreste prendere in considerazione altre offerte, magari sempre del brand Netgear, che ha dimostrato di essere una delle aziende migliori del campo.

 

Verdetto 9.4/10

Nighthawk ci ha profondamente colpiti per la tecnologia di qualità e i numerosi vantaggi che offre agli utenti che vogliono il top delle prestazioni dalla propria connessione internet, anche in zone che vengono a malapena coperte dalla rete Wi-Fi. Non è un prodotto perfetto però e alcuni dettagli potrebbero essere migliorati, come l’app di controllo per smartphone davvero troppo basilare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Nighthawk

Uno dei migliori ripetitori Wi-Fi che possiate trovare sul mercato è proprio quello proposto da Netgear, parliamo del modello EX7500 Nighthawk che abbiamo qui recensito per voi. La compagnia statunitense, che ha aperto i battenti a San Jose in California verso la metà degli anni ’90, ha sempre proposto soluzioni di networking di qualità cercando di bilanciare il prezzo per risultare appetibile anche ai consumatori che non hanno necessità o esigenze specifiche. 

Con EX7500 Nighthawk, però, entriamo in un campo che potremmo definire quasi top di gamma grazie alla notevole copertura e la possibilità di collegare una gran quantità di dispositivi, rivelandosi una scelta interessante non solo per chi ha una casa a due piani o un grande appartamento, ma anche per piccole aziende.

Il design è intrigante, con una forma moderna e bocchetta di ventilazione nella zona inferiore, affinché il dispositivo non si surriscaldi quando in funzione, evitando così le classiche disconnessioni casuali dei device agganciati al ripetitore.

Smart Roaming

Chi ha già avuto modo di utilizzare un ripetitore Wi-Fi saprà bene che questi dispositivi si collegano al modem/router sorgente e rimbalzano il segnale wireless per spostarlo in zone della casa dove questo fa generalmente fatica ad arrivare. Tale operazione, però, non viene eseguita sempre allo stesso modo e spesso i ripetitori generano una nuova connessione; il risultato è che, quando ci si sposta nell’area coperta dal dispositivo, bisogna attendere un tempo variabile per continuare la navigazione poiché lo smartphone o gli altri dispositivi devono cambiare automaticamente connessione. Con lo Smart Roaming di EX7500 Nighthawk questo inconveniente è del tutto eliminato: l’apparecchio crea una connessione Wi-Fi con lo stesso nome di rete per un passaggio istantaneo senza perdite di tempo.

La velocità massima supportata è 2.200 mbps, perfetto dunque non solo per le classiche linea ADSL ma anche per le nuove connessioni fibra, infatti sfruttando la tecnologia Fastlane3 il ripetitore garantisce lo streaming fino a 4K e il gaming online, per gli utenti che dispongono di computer, smart TV o console da gioco nelle zone della casa dove il Wi-Fi non arriva in modo ottimale.

 

Copertura e dispositivi

Quella garantita da Netgear è pari a 150 metri quadri e, sebbene possa sembrare un’esagerazione, il valore reale è comunque molto vicino a quanto dichiarato. Per quanto riguarda invece i dispositivi che è possibile agganciare al ripetitore, parliamo di ben 35 apparecchi diversi, più che sufficiente dunque per la maggior parte delle famiglie composte da quattro o cinque membri, ognuno di essi con uno smartphone, un computer, console e persino televisori.

L’installazione è semplice e immediata, come da tradizione Netgear basta infatti premere il pulsante WPS (Wi-Fi Protected Setup) sia sul ripetitore sia sul modem/router sorgente. Questa operazione farà sì che la rete venga creata automaticamente, mettendo subito in comunicazione i due dispositivi senza dover effettuare settaggi complessi. Se non disponete di un modem con pulsante WPS, però, le cose potrebbero diventare più macchinose e i meno esperti potrebbero essere costretti a rivolgersi a un esperto del settore per una configurazione ad hoc.

Gli unici punti che potremmo definire meno convincenti sono il prezzo, superiore alla media e che quindi non tutti i consumatori potrebbero prendere in considerazione, e la natura dell’app di controllo per smartphone, che dispone di impostazioni basilari e non è possibile intervenire in modo più approfondito sul comportamento del ripetitore, costringendo a effettuare modifiche da browser inserendo nella barra di ricerca l’IP assegnato al prodotto.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI