Come pulire velocemente la tastiera del PC?

Ultimo aggiornamento: 13.11.19

 

Dita sporche, polvere, cibo: la tastiera del PC è un ricettacolo di scorie. Quali sono i metodi per pulirla a fondo e senza danneggiarla?

 

Se vi è capitato di leggere qualcosa sul web, saprete bene che la tastiera del vostro PC è più sporca della tavoletta del water. Pensate di no? Beh, riflettete su ciò che fate mentre siete seduti: mangiate un panino o magari vi soffiate il naso? Ecco, proprio queste azioni portano a riempire la tastiera di microbi e batteri che possono causare danni alla salute.

 

Le testimonianze

Se il vostro PC è personale, i rischi che correte sono molto di meno, anche se sempre presenti. Chi condivide invece lo stesso computer, come quando accade in ufficio, è soggetto a un maggior numero di contaminazioni.

Pensiamo che studi recenti hanno testimoniato come, all’interno di un ospedale, possono annidarsi addirittura stafilococchi e streptococchi sulla tastiera di un PC condiviso: un bel problema per un ambiente che dovrebbe essere il più salubre possibile.

Davanti a tali testimonianze diventa palese che non è possibile lasciare questo prodotto senza un’azione di pulizia approfondita. Sarebbe opportuno compiere questa operazione almeno una volta al giorno per le periferiche condivise e una volta alla settimana per quelle di uso personale.

 

 

Se il tempo è ridotto

Di certo la vita frenetica impedisce di svolgere le attività più semplici, a volte addirittura il cucinare, per cui ci si riduce a mangiare un panino al volo. La pulizia della tastiera potrebbe comportare del tempo, ma proprio per questa ragione vogliamo darvi alcuni suggerimenti che possono aiutarvi a non correre rischi e a renderla brillante in breve.

Sicuramente un consiglio è quello di evitare di mangiare nelle sue vicinanze o di toccare i tasti con le mani sporche e unte, non solo per la contaminazione ma anche perché lo sporco va ad accumularsi e questo comporta un’azione di pulizia molto più approfondita.

Inoltre potrebbe accadere che alcuni tasti non siano più in grado di funzionare, a causa dell’accumulo di detriti nella parte sottostante. Evitare di complicare la situazione è una mossa intelligente che consente anche al computer di funzionare meglio e più a lungo.

 

La lampada UV

Il problema è abbastanza importante e diffuso, tanto che parecchie aziende hanno colto la palla al balzo per ideare qualche soluzione in grado di pulire la tastiera senza troppi sforzi da parte vostra. Nasce così Uvglo, una piccola lampada UV, delle dimensioni di un polpastrello, in grado di connettersi allo smartphone per entrare in azione. La promessa è quella di eliminare ben il 99,9% dei batteri annidati tra i tasti, semplicemente passandola al di sopra.

Le sue dimensioni unite alla facilità d’uso fanno sì che il prodotto possa essere usato davvero ovunque: al ristorante sulle posate, in ascensore sui tasti, sulla tavoletta del wc, insomma su tutte quelle superfici che temiamo possano essere state contaminate.

Si tratta in realtà di un progetto in divenire, che è stato lanciato, come spesso accade ai giorni nostri, su una piattaforma di crowdfunding tra le più gettonate: Kickstarter. Il costo pensato dai suoi ideatori è di 13 euro e le versioni disponibili sono due: una con attacco Lighting, dedicata ai dispositivi Apple, e quella con la presa USB-C, per i dispositivi che supportano Android. Se tutto andrà come prevedono i suoi creatori, i supporter inizieranno a ricevere il prodotto a partire dalla primavera.

 

Altri metodi veloci

Nell’attesa che la lampada UV arrivi nelle nostre case e ci renda la vita più facile, dobbiamo trovare altri modi per pulire la nostra tastiera. Prima di tutto dovremo scollegarla dal computer, se fisso, oppure estrarre la batteria qualora sia portatile. Perché? Naturalmente per impedire all’acqua, che probabilmente useremo, di creare cortocircuiti.

Cosa serve? Per fare prima, una bomboletta ad aria compressa, che ha la funzione di soffiare via tutti i detriti e la polvere che si è accumulata al di sotto dei tasti. Questo prodotto velocizzerà la pulizia, in quanto non vi costringerà a smontarla pezzo per pezzo.

Un altro metodo molto efficace è la gomma, che riesce ad arrivare al di sotto dei tasti e a catturare tutto lo sporco. Se avete sfruttato la tastiera al massimo e davvero in ogni occasione, comprese le pause pranzo e gli spuntini, l’operazione si fa più complicata.

Può capitare infatti che le dita unte depositino strati di sporco che hanno bisogno di un’azione più mirata. Via libera allora a cotton fioc e alcool, da passare tra i tasti e con forza proprio dove il deposito è più evidente.

 

 

Quando lo sporco è troppo

Forse avete letto troppo tardi i nostri suggerimenti e la vostra tastiera è davvero messa male? Niente paura, dedicatele adesso un po’ di tempo in più e vedrete che non sarà più necessario ripetere l’operazione che stiamo per suggerirvi, se farete attenzione a maneggiarla con le dovute accortezze.

Quante volte vi sarà capitato di avere un tasto non funzionante? Avrete pensato che non ci fossero soluzioni e che era il caso di sostituire la vostra cara e vecchia tastiera? Assolutamente sbagliato! Il primo passo da fare è infatti di verificare se c’è un bello strato di sporco annidato al di sotto: in questo caso, ecco come ripristinare il tasto che non va.

Procuratevi un cacciavite o un coltello e fate leva in modo da staccarlo dalla sua postazione: eseguite tutto con cura, perché potreste rischiare di spezzarlo. Una volta eliminato, immergetelo in una soluzione di acqua e un po’ di sapone per piatti e lasciatelo a bagno.

Nel frattempo, con uno spazzolino, rimuovete gli eventuali residui di sporco dalla base, in modo che, quando lo rimonterete, non ci sarà alcuna possibilità che si incollino nuovamente.

Se vi rendete conto che i detriti rimangono attaccati al tasto, usate lo spazzolino per rimuoverli. Una volta fatto, asciugatelo e lasciatelo un po’ all’aria, in modo che tutta l’acqua evapori.

Quando siete sicuri che non ci sono più gocce e infiltrazioni, potete rimetterlo al suo posto: fategli fare clic e verificate che riprenda a funzionare. D’ora in poi, fate maggiore attenzione e vedrete che basterà una passata, anche con un semplice panno antistatico, per rendere brillante la vostra tastiera!

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...